Onu. Il Consiglio di sicurezza approva il cessate il fuoco in Siria. L’Italia entra come membro non permanente in tandem con l’Olanda. Guterres entra in carica come nuovo segretario generale

Onu. Il Consiglio di sicurezza approva il cessate il fuoco in Siria. L’Italia entra come membro non permanente in tandem con l’Olanda. Guterres entra in carica come nuovo segretario generale

Il Consiglio di sicurezza dell’Onu ha adottato all’unanimità la risoluzione che appoggia l’iniziativa di pace di Mosca e Ankara per la Siria, che prevede il cessate il fuoco e negoziati di pace ad Astana, in Kazakistan, a gennaio. Nella risoluzione adottata, il Consiglio di sicurezza dell’Onu “accoglie con soddisfazione e sostiene gli sforzi di Russia e Turchia per mettere fine alla violenza in Siria e avviare un processo politico” e “prende nota” dell’accordo concluso il 29 dicembre scorso. Accordo firmato dal governo di Damasco e da diversi gruppi armati, ad esclusione del Fronte al Nusra, affiliato ad alQaeda, e dello Stato islamico (Isis).

Italia membro non permanente del Consiglio di sicurezza in tandem con l’Olanda

“Da oggi l’Italia entra nel Consiglio di Sicurezza ONU. Si rafforza il nostro impegno per costruire insieme un futuro di pace”, ha twittato il sottosegretario agli Esteri Enzo Amendola nel giorno in cui ha inizio formalmente la presenza dell’Italia nel Consiglio di sicurezza come membro non permanente. Il nostro paese entra nel Consiglio di sicurezza in base ad un accordo politico e diplomatico con l’Olanda, approvato lo scorso 30 giugno dall’Assemblea generale dell’Onu, con 179 voti a favore. Roma ha promesso di rinunciare alla fine del 2017, permettendo così che l’Olanda subentri per il 2018. I due Paesi hanno promesso di lavorare insieme in modo stretto durante i due anni. L’Assemblea generale aveva eletto quali membri non permanenti nel Consiglio di sicurezza dal primo gennaio 2017, Svezia, Kazakistan, Etiopia e Bolivia. Era in stallo, invece, la nomina dell’ultimo Paese. Il portavoce Onu, Farhan Haq, disse in quella occasione che ci sono stati casi precedenti di Paesi che hanno condiviso il mandato, citando cinque episodi negli anni ’50 e ’60.

Entra ufficialmente in carica il nuovo segretario generale Onu, il portoghese Antonio Guterres

“Oggi, giorno di capodanno, chiedo a tutti di pronunciare lo stesso proposito: facciamo della pace la nostra priorità”. E’ stata la prima dichiarazione del nuovo segretario generale delle Nazioni unite, Antonio Guterres, subentrato all’incarico alla successione di Ban ki-Moon. Senza citare alcun conflitto in particolare, il diplomatico portoghese ha fatto appello a cessate il fuoco “sui campi di battaglia, per aprire la strada a negoziati per arrivare a soluzioni politiche”. “La pace deve essere il nostro obiettivo e la nostra guida”, ha affermato Guterres nel suo videomessaggio registrato in inglese, francese, spagnolo e portoghese. “Da queste guerre, nessuno esce vincitore, tutti perdono” ha affermato, sottolineando il loro impatto sulle popolazioni civili. Il diplomatico ha anche criticato “i miliardi di dollari” che vengono sprecati a distruggere le società, che “esacerbano” i cicli di sfiducia e paura che possono trasmettersi per generazioni. Quindi, ha insistito il nuovo capo della diplomazia mondiale, la dignità e la speranza, così come il progresso e la prosperità, “dipendono dalla pace”. “Esorto tutti perché, assieme a me, si impegnino per la pace oggi e tutti i giorni. Facciamo che il 2017 siano un anno per la pace”, ha concluso Guterres.

Share

Leave a Reply