Ecco il Piano straordinario di Sicurezza per il Giubileo. In vigore da lunedì

Ecco il Piano straordinario di Sicurezza per il Giubileo. In vigore da lunedì

Varato il piano di controllo e sicurezza per l’Anno Santo della Misericordia. Nella giornata di venerdì, Prefetto e Questore hanno illustrato alla stampa le linee generali dei servizi, senza entrare, visto quanto accaduto in Francia, nello specifico. Si tratta di misure di ampio respiro e che si proiettano sull’intera città, visto che gli obiettivi considerati ad alto rischio, sono decine, forse centinaia e vanno dal centro alle periferie. “Dispositivo di sicurezza del giubileo ai tempi dell’Isis possiamo cosi definire l’ordinanza emessa per il piano varato”. L’ordinanza – ha detto il Prefetto- è “un documento di oltre 200 pagine elaborato in sinergia. Abbiamo competenza e preparazione per affrontare il Giubileo. La percezione della sicurezza è un bene comune che i cittadini devono percepire. Previsti tantissimi sul servizi sul territorio. E’ una sfida per evento mondiale – ha aggiunto – che si vince con gioco di squadra da parte di tutti noi”. Poi il Questore è entrato nello specifico. Il piano impegnerà oltre duemila uomini ed entrerà in funzione da lunedì. Quindi quindici giorni prima dell’apertura della Porta Santa cosi da avere il tempo per eventuali cambiamenti. Durerà per tutto l’anno. Abbiamo disposto servizi sul territorio per aumentare la percezione della nostra presenza. Sono state identicate tre aree importanti: da quella esterna a quella di massima sicurezza”

Massima attenzione agli stadi. Aumentano i pattugliamenti nelle aree periferiche della città

“E’ stato disposto nell’ambito del piano del Giubileo un incremento del pattugliamento a partire delle aree periferiche. Lo stadio è un potenziale pericolo e il controllo non ne è facile. Siamo tra i pochi a fare i non graditi controlli prefiltraggio. Occorre stringere maggiormente controlli. Saremo più rigidi ed useremo strumenti elettronici”.

Potenziati i servizi di videosorveglianza che saranno utilizzati anche dalle volanti

Sarà potenziato il servizio di videosorveglianza e tutta la strumentazione tecnologica. Stiamo addestrando – ha detto ancora D’Angelo- personale specifico al servizio sulle volanti. A breve vareremo un nuovo sistema di controllo sui mezzi di trasporto pubblico urbano. Saremo presenti su bus con nostre pattuglie oltre ad incrementare controlli sulle metropolitane”.

Tutte le vie di transito dei pellegrini (porti ed aeroporti) avranno un monitoraggio speciale

Tutte le vie di transito dei pellegrini da porti e aeroporti saranno rinforzate con servizi aggiuntivi. Una attenzione particolare verrà posta al controllo delle attività ricettive. Come B&B e affittacamere. Il questore ha poi precisato che spesso si tratta “di attività che stanno fiorendo per fare business sul Giubileo ma che in molti casi sono abusive”.

Il Prefetto Gabrielli: “Se sarà necessario pronti ad abbattere i droni”

“In situazioni più problematiche per sicurezza un dispositivo aereo sarà in volo per intercettare drone che non risponda a requisiti previsti. E’ stabilita anche la possibilità di abbattere il drone in caso di grave pericolo. Previsto un sistema di intercettazione radar da terra aggiuntivo che potenzierà quello già esistente”. Poi Gabrielli è entrato nel merito del ruolo dei media: “Nessuno nega che nostro Paese è un possibile obiettivo. Non ci vogliono scienziati o analisti. Un conto è la minaccia e il rischio, un conto è quello che si può verificare. Bisogna discernere le notizie destituite di fondamento. Meglio uno scoop in meno e un accertamento in più”.

Il plauso del Vicepresidente della Regione Lazio Smeriglio 

Voglio esprimere il mio plauso alla Questura di Roma per le azioni illustrate durante la presentazione dell’ordinanza di servizio per il prossimo Giubileo della Misericordia. L’obiettivo comune delle Istituzioni è quello di garantire uno svolgimento ordinato e sicuro dell’evento. A tal fine la migliore strategia contro la paura è l’organizzazione preventiva, l’investimento sulla fiducia, la trasparenza, oltre a una comunicazione chiara e puntuale. Colgo quindi l’occasione per fare un grande in bocca al lupo al Prefetto Gabrielli e al Questore D’Angelo per il lavoro che dovranno svolgere nei prossimi mesi”.

Share

Leave a Reply