News Feed: Facebook si allea alle testate giornalistiche

News Feed: Facebook si allea alle testate giornalistiche

Secondo una ricerca della Media Insight Project, una società americana che analizza le abitudini dei consumatori di notizie negli Stati Uniti, l’88% dei millennials ( i nati dopo il 1980) si tiene aggiornato sul mondo che lo circonda attraverso il portale Facebook. Dall’analisi è emerso che il 57% degli utenti cerca attivamente notizie sui social almeno una volta al giorno, mentre il 44% lo consulta più di due volte. D’altro canto Facebook non nasconde che già da diverso tempo sta cercando di creare rapporti con differenti giornali per poter offrire agli utenti notizie autorevoli e certificate. I primi giornali ad essere coinvolti nel processo sono stati quelli americani come New York Times, National Geographic e Buzzfeed. Ad oggi per poter leggere una notizia bisogna cliccare sul link che porta ad un’altra pagina e per fare tutto questo si impiegano circa 8 secondi, anche di più se la connessione non è ottimale. Avendo invece le notizie nel flusso costante di aggiornamenti del News Feed con un solo clik apparirebbero direttamente gli articoli per intero. Come il direttore del controllo del News Feed Adam Mosseri ha già spiegato al Corriere della Sera, l’algoritmo che sta alla base del social cerca di arginare spam soprattutto in base alla segnalazione dell’utente quindi la maggior parte delle volte Facebook non ha il totale controllo sulle notizie che vengono condivise. Un tentativo in questa direzione era già stato fatto nel 2014 con l’applicazione Paper, mai arrivata in Italia. Quello che Mark Zuckenberg sta cercando di fare è proprio portare il suo portale ad essere la porta d’accesso primaria ad internet. Il test, come già successo per l’applicaziona Paper, inizialmente sarà confinato ai soli Stati Uniti dove sono già stati stretti i primi accordi. I giornali si vedranno però costretti a rinunciare a molti clik diretti sui loro siti, per questo Zuckenberg ha previsto annunci pubblicitari ad hoc che aiuteranno a monetizzare i contenuti anche in questa nuova modalità di diffusione. L’epoca tecnologica sta spingendo anche l’editoria più tradizionale a intraprendere questa via: Abc News ha creato un breve telegiornale ‘Facecast’ da far girare sul solo portale di Facebook. Ciò che gli editori rischiano è che il valore del marchio e il giornale stesso alla lunga potrebbero essere schiacciati dal peso del social.

Share

Leave a Reply