Roma. Van Gogh Alive – The Experience: l’arte nell’era del 3.0

Roma. Van Gogh Alive – The Experience: l’arte nell’era del 3.0

La stagione museale dedicata al pittore olandese Vincent Van Gogh si dichiara ufficialmente ancora aperta. Dopo aver incantato la città di Torino dal mese di marzo a giugno, il Van Gogh Alive – The Experience replica a Roma, in mostra a partire dal 25 ottobre 2016 presso lo spazio del Palazzo degli Esami.

La mostra si preannuncia ricca di novità e innovazione, come già accaduto in Piemonte, poiché anche nello spazio romano saranno messe a disposizione dell’arte le più moderne tecnologie ottiche e foniche, tra cui il SENSORY4™: un sistema unico che incorpora oltre 50 proiettori ad alta definizione, con una grafica multicanale e un suono surround, che doneranno all’esperienza audiovisiva un carattere multimediale e multisensoriale, il cui coinvolgimento è garantito.

Non di un semplice percorso illustrativo, dunque, ma di un’esperienza “al passo con i tempi moderni” si tratta, che riflette le normali modalità di fruizione delle tecnologie e dei media alle quali siamo tutti quotidianamente abituati, ossia quell’intreccio da cui prendono vita i prodotti ibridi che oramai, nell’era del 3.0, diamo per scontati.

Le opere del pittore olandese, più di 3000, realizzate tra il 1880 e il 1890, potranno essere osservate non sulla semplice cornice, bensì su enormi schermi luminosi posizionati sulle pareti, sul soffitto e sul pavimento delle stanze di allestimento, sui quali appariranno fotografie, video e immagini a grandezza naturale, nitidi e brillanti, che contribuiranno a ricreare le atmosfere e i luoghi originari che ispirarono l’autore al tempo, quando viaggiava attraverso i Paesi Bassi alla volta di Parigi e vagava tra Arles, Saint-Rémy e Auvers-sur-Oise in cerca di spunti per i suoi soggetti e di bellezze da immortalare sulla tela.

Ad accompagnare la visione, in sottofondo potenti colonne sonore che rievocano i grandi compositori, quali Vivaldi, Ledbury, Tobin, Lalo, Barber, Schubert, Satie, Godard, Bach, Chabrier, Satie, Saint-Saëns, Godard, Handel, in un tripudio di colori vibranti e ricchezza dei dettagli, alla base dello stile unico dell’artista.

Il costo del biglietto è di 15 euro, con riduzioni previste per i bambini dai 6 ai 12 anni, per gli studenti, per gli over 65 e per i disabili che potranno avere accesso al costo di 12 euro a biglietto.

L’orario di apertura: dal lunedì al giovedì, dalle ore 10.00 alle 20.00; il venerdì e il sabato, dalle ore 10.00 alle 23.00 e la domenica, dalle ore 10.00 alle 21.00.

Share

Leave a Reply