Pasquino. Centocinquantanni da quel 20 settembre del 1870

Pasquino. Centocinquantanni da quel 20 settembre del 1870

Quer venti settembre ‘ottocentosettanta
la Porta che chiudeva Roma ar monno venne infranta
finì così er temporal poter… dell’acqua santa !
Ma nun è ‘scita ancora fora da quell’antica breccia
de chi odia ‘sta città tutta la velenosa feccia
de quella parte che che vorrebbe falla da padrona
e se permette puro de chiamalla “Roma Ladrona”
Sicché oggj che fanno centocinquanta anni
ancora nun so’ passati tutti li nostri affanni
e anche si mó la chiameno Roma Capitale
le cose vanno sempre più peggio che male
Pare che ce se so’ messi proprio de punta
e puro si cambieno li nomi e li colori della giunta
nun c’è più futuro pe’ li regazzini
chè senza campetti fra monnezza mafia e affini
crescheno ignoranno er bello della storia
crescheno ormai privi de memoria
Volemo ritorna’ a esse’ più civili?
Mannamo a casa ogni genia de vili
Convinti che a Roma spetti onore e orgojo
Ridamoje lustro a parti’ dar Campidojo
E allora piantiamola de sta a fa’ i fregnoni
e tiramo fora dignità e …. cojoni !

Share