F1. Gp d’Italia a Monza. Corsa pazza, vince Gasly su Sainz e Stroll. Incubo Ferrari. Bottas quinto e Hamilton settimo

F1. Gp d’Italia a Monza. Corsa pazza, vince Gasly su Sainz e Stroll. Incubo Ferrari. Bottas quinto e Hamilton settimo

Pierre Gasly vince un Gp d’Italia pieno di emozioni e di colpi di scena. A Monza arriva la prima vittoria in carriera per il pilota francese 24enne dell’Alpha Tauri davanti alla McLaren di Carlos Sainz e alla Racing Point di Lance Stroll. Gara amara per Lewis Hamilton, il campione del mondo dopo aver dominato la gara è costretto a chiudere settimo dopo aver scontato 10” di penalità per un passaggio ai box con la pit-lane chiusa. Male le Ferrari. Vettel è costretto al ritiro per un problema ai freni, fuori anche Leclerc per un incidente alla parabolica.  Partenza bruciante per Hamilton che mantiene la prima posizione, problemi invece per il compagno alla Mercedes Bottas che si fa superare dalle McLaren di Carlos Sainz e Lando Norris. In difficoltà il finlandese che al terzo giro è sesto, a superarlo anche la Racing Point di Perez e la Renault di Ricciardo. Vola Hamilton, il 6 volte iridato prova la fuga con 2”8 di vantaggio su Sainz al quinto giro. Problemi ai freni per Vettel, partito dal 17esimo posto, il pilota Ferrari è costretto al ritiro al settimo giro.

Dopo un lungo stop la gara riprende con il race director Masi che decide per un giro dietro la safety car e poi la partenza in griglia. Si ricomincia al 27esimo giro, Hamilton, che deve ancora scontare la penalità, è in testa davanti alla Racing Point di Stroll e all’Alpha Tauri di Pierre Gasly. Hamilton va ai box rientrando ultimo. In testa c’è ora Gasly davanti all’Alfa Romeo di Kimi Raikkonen e alla McLaren di Carlos Sainz. Sainz soffia la seconda piazza a Raikkonen, dietro al finlandese Stroll e Norris, sesto Valtteri Bottas. Stroll passa Raikkonen al 35esimo giro, poco dopo lo supera anche Bottas. E’ costretto al ritiro Verstappen su Red Bull. Dietro fa fatica Hamilton che perde terreno rispetto ai primi impegnato nei sorpassi. Davanti Gasly ha 3”1 su Sainz e 5” di vantaggio sulla Racing Point di Stroll. Hamilton al giro 43 è 12esimo. In testa Sainz si avvicina a Gasly ora distante 1”6. Dietro, Hamilton prosegue la sua rimonta ed è ottavo. Quando mancano 2 giri alla fine Gasly mantiene la prima posizione con Sainz, futuro pilota Ferrari, a 1”1. Ultimo giro al cardiopalma coi due piloti ormai attaccati ma Gasly resiste e trionfa a Monza, era dal 1996 che un pilota francese non vinceva un gran premio. Podio inedito con Gasly, Sainz e Stroll, Quarto Lando Norris seguito dalla Mercedes di Bottas, sesta la Renault di Ricciardo e settimo Hamilton.

“La Ferrari è molto difficile da guidare, ho dato il massimo ma ho fatto un errore. Non so se ho chiesto troppo alla macchina, forse, ma ho preso il muro”. E’ amaro Charles Leclerc dopo l’incidente alla Parabolica che lo ha costretto al ritiro al Gran Premio di Monza. Settimana prossima la Ferrari festeggerà le 1000 gare al Mugello. “Sulla carta è un circuito migliore per noi – aggiunge Leclerc a Sky -, ora ho qualche giorno per recuperare dalla botta. Sto bene? Più o meno”. La Ferrari “non demorde” dunque. Parola di Mattia Binotto: “Non dobbiamo dimenticare ma imparare dai nostri errori, questa stagione ci insegnerà qualcosa per il futuro. E’ la peggior conclusione possibile di un weekend difficile. Non c’è nulla di peggio di non finire la gara, specie per un problema di affidabilità come per Vettel”. Il team principal della Rossa spera che al Mugello, per il 1000esimo gran premio della Ferrari, le cose vadano meglio: “Ci contiamo ma promettere qualcosa ora diventa difficile”.

La classifica piloti al termine del Gp d’Italia, ottavo appuntamento stagionale del mondiale di F1:

1. Lewis Hamilton (Gb/Mercedes) 164 punti; 2. Valtteri Bottas (Fin/Mercedes) 117; 3. Max Verstappen (Ola/Red Bull) 110; 4. Lando Norris (Gb/McLaren) 57; 5. Lance Stroll (Can/Racing Point) 57; 6. Alexander Albon (Tha/Red Bull) 48; 7. Charles Leclerc (Mon/Ferrari) 45; 8. Pierre Gasly (Fra/AlphaTauri) 43; 9. Daniel Ricciardo (Fra/Renault) 41; 10. Carlos Sainz (Spa/McLaren) 41; 11. Sergio Perez (Mex/Racing Point) 34; 12 Esteban Ocon (Fra/Renault) 30; 13. Sebastian Vettel (Ger/Ferrari) 16; 14. Nico Hulkenberg (Ger/Racing Point) 6; 15. Daniil Kvyat (Rus/AlphaTauri) 4; 16. Antonio Giovinazzi (Ita/Alfa Romeo) 2; 17. Kevin Magnussen (Dan/Haas) 1.

La classifica costruttori al termine del Gp d’Italia, ottavo appuntamento stagionale della Formula 1:

1. Mercedes 281 punti; 2. Red Bull 158; 3. McLaren 98; 4. Racing Point 82; 5. Renault 71; 6. Ferrari 61; 7. Alpha Tauri 47; 8. Alfa Romeo 2; 9. Haas 1; 10. Williams 0.

Share