Pasquino e l’Arca di Noè, ovvero come nacque il razzismo

Pasquino e l’Arca di Noè, ovvero come nacque il razzismo

Quanno che fu er diluvio universale
e Noè ‘mbarcó ‘gni specie animale,
‘na bestiaccia sola se rifiutó d’entra’
Dicenno “Grazie, io so nuota’…”
Ma era diversa la vera verità;
coll’artri ‘n se voleva sta’ a mischia’!
”Confonneme co’ creature di razza differente
pe’ me è, a dire, un poco sconveniente
Poi, dimola tutta, viaggia’ co’ quelli dar pellame nero
nun sarebbe certo cosa de cui potrei anna’ fiero !”
Ma Noè che era bbono e generoso
puro co’ quell’arrogante, fu pietoso
e trovo’ er modo de sarva’ anche lui
mentre che i cieli se faceano bui.
J’ensegno’ velocemente a galleggia’
sopra la tera che se stava già a allaga’…
E da allora, er razzista er monno se lo gira a zonzo,
co’ la faccia e l’anima che rìmano co’ …. bronzo !

Share