Auto, Fiom a Conte: emergenza occupazione, apriamo confronto

Auto, Fiom a Conte: emergenza occupazione, apriamo confronto

La Fiom scrive al premier Giuseppe Conte lanciando l’allarme occupazione nel settore auto e chiedendo l’apertura di un confronto. “Presidente Conte, noi le chiediamo l’apertura di un confronto, perché non ne possiamo più. Sono anni che lottiamo per tenere aperti gli stabilimenti che producono la mobilità di questo paese e sono anni che lottiamo per l’occupazione”, afferma il segretario nazionale della Fiom Michele De Palma.

“Le chiediamo un confronto perché non ne possiamo più – dice – : sono anni che lottiamo per tenere aperti gli stabilimenti che producono la mobilità nel Paese, che difendiamo il diritto delle persone di potersi muovere in un mondo sempre più ecologico. Sono anni che lottiamo per l’occupazione”. “Ora è arrivato un momento molto complicato – chiosa De Palma – noi non vogliamo più combattere per avere soltanto la cassa integrazione. Vogliamo gli ammortizzatori sociali, bloccare i licenziamenti, ma vogliamo anche ritornare a discutere del futuro della mobilità del nostro Paese. Vogliamo impedire che domani i nostri ragazzi e ragazze vadano via dal nostro Paese”. “Mobiliteremo la nostra organizzazione per venire ad avere con lei un confronto – conclude il segretario della Fiom – perché non ci può essere dopo l’emergenza Covid un’emergenza occupazionale”.

Share