CNA Roma. La città in ginocchio. Subito misure straordinarie per le imprese

CNA Roma. La città in ginocchio. Subito misure straordinarie per le imprese

“L’allarme Coronavirus ha messo in ginocchio la nostra città e non possiamo assistere impotenti a tutto questo. Roma è l’asse portante del turismo del nostro Paese che rappresenta circa il 5% del PIL nazionale. Se viene a crollare il comparto turistico romano e con questo intendo, non solo alberghi e ristoranti, ma anche l’artigianato artistico e tradizionale, taxi, pullman, trasporti merci e commercio che hanno registrato perdite fino al 90%, ciò avrà gravi ripercussioni, con effetto a cascata su tutto il resto del Paese. Non possiamo più aspettare e a questo proposito, chiediamo misure urgentissime e straordinarie per la città di Roma, che nonostante non si trovi nella zona rossa e non sia sottoposta ad emergenza sanitaria, sta subendo delle perdite insostenibili. Questi gli interventi che richiediamo e che non sono più procrastinabili: sussidi economici e interventi di credito agevolato anche attraverso i consorzi fidi, sospensione di tutte le scadenze fiscali nazionali e tributi locali, oltre al blocco dei contributi Inail e Inps, utilizzo della cassa integrazione in deroga per evitare licenziamenti di massa. Lanciamo un appello a tutte le istituzioni affinché agiscano con risolutezza nei prossimi giorni attivandosi per l’adozione immediata di queste misure”, così  Stefano Di Niola, segretario della CNA di Roma.

Share