2019, un anno di sport. Grandi imprese, novità, sorprese

2019, un anno di sport. Grandi imprese, novità, sorprese

Dall’exploit delle azzurre al Mondiale di calcio in Francia fino all’assegnazione dei Giochi Olimpici Invernali 2026 a Milano-Cortina. Dalle conferme di Lewis Hamilton e Marc Marquez, cannibali in Formula 1 e MotoGp, all’anno d’oro per il tennis azzurro, con Fognini, Berrettini e Sinner grandi protagonisti. Il 2019, che sarà ricordato anche per gli addii a Felice Gimondi e Niki Lauda, nel mondo del calcio ha visto trionfare la Juventus in Serie A (per l’ottava volta di fila) e il Liverpool in Champions League. Senza dimenticare il ritorno di Conte in Italia, sponda Inter, e l’avvicendamento tra Sarri e Allegri proprio alla Juve.

6 febbraio – Dominik Paris conquista il suo primo titolo mondiale vincendo il supergigante maschile a Are. Quella svedese si rivela una spedizione positiva per l’Italia, che raccoglie anche un argento con Sofia Goggia nel superG e un bronzo nel team event. Lo sciatore di Merano vive una seconda parte di stagione spettacolare, che – oltre all’oro iridato – gli regalerà anche 5 vittorie in Coppa del Mondo. Stagione da incorniciare anche nel biathlon: Dorothea Wierer diventa la prima azzurra ad aggiudicarsi la Coppa del Mondo generale. Ottima anche l’annata di Lisa Vittozzi, a lungo in lotta proprio con la connazionale per il successo finale.

7 aprile – Capolavoro di Alberto Bettiol al Giro delle Fiandre. L’Italia torna ad aggiudicarsi una classica monumento del ciclismo grazie alla splendida azione in solitaria del corridore della EF Education First, che coglie il suo primo successo in carriera in una delle corse più importanti dell’anno. L’ultimo italiano ad aggiudicarsi il Fiandre era stato Alessandro Ballan nel 2007.

20 aprile – La Juventus ritocca ulteriormente i propri record, festeggiando in Italia l’ottavo scudetto consecutivo, impresa mai riuscita a nessuno, in un campionato dominato e vinto con cinque giornate d’anticipo. In Europa però la corsa dei bianconeri si ferma ai quarti, contro la sorpresa Ajax. Fatale il ko in casa (2-1) dopo il pareggio (1-1) dell’andata in Olanda. La precoce eliminazione in Champions League, vero obiettivo stagionale dopo l’acquisto in estate di Cristiano Ronaldo, porta però a uno scossone in panchina, con l’addio di Massimiliano Allegri dopo cinque anni e l’arrivo di Maurizio Sarri, l’ex nemico ai tempi del Napoli.

21 aprile – Fabio Fognini diventa il primo italiano a vincere un torneo Masters 1000 di tennis. Il ligure trionfa a Montecarlo battendo in finale il serbo Lajovic (6-3, 6-4) dopo essersi sbarazzato in semifinale del ‘Signore della terra’ Rafa Nadal. Nel corso dell’anno Fognini riuscirà anche ad entrare nella top 10 del ranking Atp, salendo fino al nono posto.

20 maggio – Muore a 70 anni la leggenda della Formula 1 Niki Lauda, tre volte campione del mondo e presidente non esecutivo di Mercedes. Oltre che per i suoi trionfi, prima in Ferrari poi in McLaren, è passato alla storia per il terribile incidente del 1976 al Nurburgring, in cui rimase gravemente ustionato.

26 maggio – Daniele De Rossi nel match dell’Olimpico contro il Parma gioca la sua ultima partita con la maglia della Roma dopo aver collezionato 616 presenze in giallorosso. Il centrocampista campione del mondo non lascia però il calcio giocato: per lui nel giro di qualche mese si apriranno le porte della Bombonera, per un ultimo giro di valzer con il Boca Juniors.

31 maggio – Antonio Conte torna in Italia dopo un anno sabbatico e l’avventura al Chelsea e riparte dalla panchina dell’Inter, che nel frattempo ha esonerato Luciano Spalletti nonostante la qualificazione Champions acciuffata all’ultima giornata, per lanciare la sfida alla Juventus, la sua ex squadra. Con l’arrivo dell’ex ct Suning rivoluziona la rosa: dal mercato arriveranno tra gli altri Romelu Lukaku, Lazaro, gli italiani Sensi e Barella, Alexis Sanchez, Diego Godin. Saluta invece Appiano Gentile dopo una lunga telenovela Mauro Icardi, che nell’ultimo giorno di mercato si accasa al Psg. Via anche Radja Nainggolan e Ivan Perisic.

2 giugno – Il Liverpool torna sul tetto d’Europa a 14 anni dall’ultima volta. La squadra di Klopp vince per la sesta volta nella sua storia la Champions League battendo 2-0 il Tottenham al ‘Wanda Metropolitano’ di Madrid nella finale tutta inglese. A segno Salah su rigore nel primo tempo e Origi nel finale. Memorabile l’impresa compiuta dai ‘Reds’ in semifinale: dopo aver perso 3-0 all’andata contro il Barcellona, il Liverpool ha ribaltato la partita nella gara di ritorno a Anfield, dominata 4-0.

2 giugno – Richard Carapaz diventa il primo ecuadoriano della storia a vincere il Giro d’Italia. Lo scalatore della Movistar ha preceduto in classifica Vincenzo Nibali e Primoz Roglic.

14 giugno – Toronto vince il suo primo anello Nba battendo 4-2 in finale Golden State, in una serie che ha visto i Warriors perdere per infortunio prima Kevin Durant e poi Klay Thompson. Per la prima volta il titolo finisce fuori dai confini Usa. Determinante l’apporto di Kawhi Leonard, Mvp delle finali.

16 giugno – A un mese dall’annuncio del divorzio da Massimiliano Allegri, la Juventus ufficializza il nome del nuovo allenatore: è Maurizio Sarri, reduce dal trionfo in Europa League con il Chelsea. Cambi di panchina anche in casa Roma e Milan: Paulo Fonseca rimpiazza il traghettatore Claudio Ranieri dopo l’esonero di Eusebio Di Francesco, Marco Giampaolo prende il posto di Rino Gattuso.

22 giugno – Basket, Venezia vince il quarto scudetto della sua storia. Sassari si arrende in gara7 delle finali. A livello di nazionale l’Italia si qualifica per il Mondiale a 13 anni dall’ultima volta: la spedizione della squadra di Sacchetti in Cina si ferma nella seconda fase, alle porte dei quarti. Fatale la sconfitta con la Spagna.

30 giugno – Si ferma ai quarti di finale la splendida avventura delle azzurre di Milena Bertolini ai Mondiali di calcio femminile. L’Olanda piega l’Italia 2-0, ma Sara Gama e compagne sono riuscite a riportare l’Italia tra le prime otto del torneo a vent’anni dall’ultima volta.

14 luglio – Novak Djokovic batte Roger Federer al quinto set nella finale più lunga della storia di Wimbledon, durata quasi cinque ore. Il giocatore serbo conquista il 16° Slam in carriera, ai danni dello svizzero, dopo aver annullato due match point.

24 luglio – Eterna Federica Pellegrini. La ‘Divina’ conquista per la quarta volta il titolo mondiale nei 200 stile libero nella rassegna iridata di Gwangju. In finale l’azzurra trionfa in 1’54’22 davanti a Titmus e Sjostrom. In Corea nasce anche una nuova stella: Simona Quadarella dopo il tris di medaglie agli Europei trionfa nei 1500 stile e porta a casa un argento negli 800, alle spalle della regina Katie Ledecky.

1 settembre – Charles Leclerc, promessa della Ferrari, conquista la sua prima vittoria in carriera in Formula 1 nel Gran Premio del Belgio. Il monegasco, che si ripeterà una settimana dopo a Monza, diventa all’età di 21 anni il più giovane vincitore di sempre con la scuderia di Maranello. A fine stagione il Cavallino Rampante blinda Leclerc rinnovandogli il contratto fino al 2024.

13 ottobre – L’Italia batte all’Olimpico la Grecia e si qualifica con tre turni d’anticipo agli Europei 2020. Roberto Mancini a due anni dalla delusione per la mancata qualificazione al Mondiale ha ridato entusiasmo al movimento collezionando numeri da record: dieci vittorie su dieci gare nel girone (impresa mai riuscita) e undici successi consecutivi per il tecnico di Jesi, che supera il precedente primato di Vittorio Pozzo.

3 novembre – Lewis Hamilton ancora sul tetto del mondo. Il pilota della Mercedes vince per la terza volta consecutiva il mondiale di Formula 1 e sale a sei successi complessivi: soltanto Michael Schumacher, a quota sette, ha vinto più di lui. In una stagione dominata dalle Frecce d’Argento, il trionfo del britannico arriva in Texas. Nel 2019 Hamilton ha ottenuto 11 successi e tre secondi posti.

14 novembre – Matteo Berrettini è il primo italiano a vincere un match alle Atp Finals. L’azzurro esce nel girone ma dopo le sconfitte con Roger Federer e Novak Djokovic nell’ultimo match batte Dominic Thiem.

2 dicembre – Lionel Messi vince il Pallone d’Oro: per il fuoriclasse del Barcellona è il sesto successo, staccato Cristiano Ronaldo a quota cinque. La ‘Pulce’, che non si aggiudicava il prestigioso riconoscimenti dal 2015, ha battuto la concorrenza di Virgil Van Dijk e dello stesso Ronaldo.

Share