Pasquino il Templare. Er monno alla rovescia

Pasquino il Templare. Er monno alla rovescia

Ecchice qua ner dumila diciannove
finarmente c’è quarcosa che se move
e la scossa nun nasce da chi oggi comanna
ma da quelli che so’ arti poco più de ‘na spanna
Da quelli c’hanno capito che er futuro
passa superanno ogni e quarsiasi muro
Da quelli c’hanno capito che si nun se cambia er clima
faremo tutti la fine di Hiroshima
Da quelli c’hanno capito che l’uso der carbone
nun porterà de certo ar monno bone nove
Così che avenno rubbato er cervello alla gallina
a chi c’ha idee la chiameno … Gretina
e ‘nvece d’empegnasse e de prova’ vergogna
so’ capaci solo de mettela alla gogna
Cori infami e cervelli tristi
maestri nell’arte d’esse’ trasformisti
convinti puro della supremazia della razza
der domani der monno nu’ je frega ‘na mazza
Gente che vo’ frega’ quello che é de tutti
classico della genìa delli mejo farabutti
ma ignorano che moriranno
nelli loro escrementi
che ormai j’entorbidano … l’anima e le menti

Share