I versetti satirici di Pasquino il T…EMP…lare. “Nun abbassiamo la guardia”

I versetti satirici di Pasquino il T…EMP…lare. “Nun abbassiamo la guardia”

Nasce, forse…, er novo governo
co’ ‘n certo Conte a faje da perno.
E se Salvini come i pugili sonati
ancora se chiede “Ma perché da solo … me li so’ martellati?”
Calenda, che manco è arivato, dar PD s’è appena sganciato
anche si l’ago d’a bilancia nun s’é proprio spostato…,

E mentre Zingaretti, che più d’uno voleva ammazzato
da Montalbano e Cata…(Matta)rella
è stato sarvato

La camerata Meloni
indossata la nera corazza
urlando minaccia “Scateno la piazza”
come se i danni de quella… Venezia
fossero stati sortanto ‘n’inezia

E nonno Berlusca che ormai campa de gaffe
da ex primattore perde sempre le staffe
Intanto il bravo Giggetto Di Maio
tenta da uscì da quer ginepraio
‘ndo’ l’ha buttato il suo amico _mojitaio_

Mo’ però tocca a noi cittadini
che nessuno faccia ancora casini
che solo co’ impegno e attenzione
fiji onesti dell’antica partecipazione
potemo riuscì’ a raddrizza’ sta nostra barchetta
dai guai provocati da gente inetta e bulletta.

Share