Da giovedì 25 la “Festa del Cinema” a Fregene, la Hollywood del Tirreno. Tre grandi film proiettati nello Stabilimento della Marina MiIitare. Il sindaco Montino: “Con il cinema connubio indissolubile”. Laudadio (Centro cinematografia): “Un buen retiro per lavorare”

Da giovedì 25 la “Festa del Cinema” a Fregene, la Hollywood del Tirreno. Tre grandi film proiettati nello Stabilimento della Marina MiIitare. Il sindaco Montino: “Con  il cinema connubio indissolubile”. Laudadio (Centro cinematografia): “Un buen retiro per lavorare”

Festa del Cinema a Fregene. Da giovedì 25 a domenica 28. Verranno proiettati tre grandi film che hanno fatto la storia della cinematografia italiana. La prima serata va in scena “La Terrazza”, regia di Ettore Scola, prodotto nel 1980. Troppo lungo l’elenco degli attori che hanno collaborato alla realizzazione del film. Ne citiamo solo alcuni, da Ugo Tognazzi a Vittorio Gassman, Marcello Mastroianni, Stefania Sandrelli, Ombretta Colli, Carla Gravina. E con loro fra i protagonisti reali della “Terrazza” Ugo Gregoretti, Mario Monicelli, Lucio Villari, Francesco Maselli e tanti altri. La seconda serata vedrà la proiezione de “Il sorpasso”, regia di Dino Risi, sempre Gassman fra i protagonisti, con Jean Louis Trintignant, Catherine Spaak, prodotto nel 1962. Sabato si vedrà “Peccato che sia una canaglia”, regia di Alessandro Blasetti. Fra gli interpreti Marcello Mastroianni, Sophia Loren, Vittorio De Sica. Girato nel 1954. Fra gli sceneggiatori dei tre film Suso Cecchi D’Amico, Ennio Flaiano, Dino Risi, Ettore Scola, Age e Scarpelli.

Il Premio Ugo Gregoretti assegnato al regista Matteo Garrone

Nella serata di domenica, alle ore 21, verrà consegnato a Matteo Garrone il premio Ugo Gregoretti per il cinema italiano. A seguire la proiezione del film Dogman, regia di Garrone, sceneggiatura e soggetto di Garrone, Ugo Chiti e Massimo Gaudioso. La proiezione dei film avverrà, con inizio alle ore 21,15 nell’Arena dello Stabilimento della Marina Militare, Lungomare di Levante, 173, a Fregene che ha collaborato alla realizzazione della “Festa del Cinema” mentre la cerimonia di consegna del premio Ugo Gregoretti avrà inizio alle ore 21. Gregoretti ha avuto un intenso rapporto con Fregene, una casa che ha abitato nel Villaggio dei pescatori, come tante altre personalità del cinema italiano e internazionale, da Federico Fellini a Gillo Pontecorvo, da Joseph Losey a Margarethe von Trotta.

Fregene appunto che riscopre se stessa, la sua vocazione, marinara e cinematografica.

Dice Esterino Montino il sindaco di Fiumicino, il comune che, insieme alla Fondazione del Centro sperimentale di Cinematografia, organizza la Festa: “Fregene e il cinema sono un connubio indissolubile da oltre 50 anni. In questo mezzo secolo moltissimi registi, attori, sceneggiatori e produttori del cinema italiano hanno scelto la nostra bellissima località di mare per girare alcune scene dei loro film più belli, o semplicemente per trascorrere le proprie vacanze o addirittura per viverci tutto l’anno. Per noi è un onore ospitare quest’anno all’interno dello Stabilimento della Marina la prima Festa del Cinema di Fregene che questa amministrazione ha organizzato insieme al Centro sperimentale di Cinematografia, in collaborazione con la direzione Cinema Mibac e Istituto Luce Cinecittà”. Felice Laudadio, che del Centro sperimentale è il presidente ricorda che “sono molte le località italiane dove sono stati girati grandi film, famosi o meno famosi. Ma sono pochissime, a parte ovviamente Roma, quelle dove decine di registi, attori celebri hanno vissuto. Fregene, in particolare il leggendario Villaggio dei pescatori, è probabilmente al secondo posto di questa particolare classifica, seconda solo a Roma. Fregene è stata per molti non una semplice località di vacanze estive ma un buen retiro dove rifugiarsi per lavorare in pace, lontani dal traffico e dallo smog e al tempo stesso con la sicurezza di raggiungere Roma in un batter d’occhio. La liste di coloro che hanno o hanno avuto in passato casa a Fregene è impressionante a partire da Federico Fellini che ha anche usato la pineta e il retroterra di Maccarese per scene memorabili dei suoi film”. Dopo aver citato il lungo elenco di chi ha avuto casa o a soggiornato nella località balneare, artisti italiani cui si aggiungono anche molti stranieri, da Costa Gavras a Orson Welles, Laudadio conclude: “Se Roma è stata la Hollywood sul Tevere, Fregene è la Hollywood su Tirreno”.

Share