Alitalia. Il Cda delle Ferrovie ha scelto i partner, MEF, Delta e Atlantia. Bisognerà attendere l’autunno per il piano industriale

Alitalia. Il Cda delle Ferrovie ha scelto i partner, MEF, Delta e Atlantia. Bisognerà attendere l’autunno per il piano industriale

Atlantia si avvia a diventare il quarto componente della cordata destinata a salvare Alitalia per la terza volta in dieci anni. Il lunghissimo Consiglio d’amministrazione di Ferrovie dello Stato ha fatto la sua scelta. Il blocco dei salvatori sarà composto, quindi, oltre che dal gruppo ferroviario anche dal Ministero dell’Economia, da Delta Airlines e, appunto, dalla holding della famiglia Benetton. Escono di scena gli altri tre candidati: il gruppo Toto (ex proprietario di Air One) l’imprenditore colombiano German Efromovich e Claudio Lotito, presidente della Lazio. Le ragioni delle esclusioni sono di natura politica e finanziaria: Lotito non avrebbe dato adeguate garanzie di solidità patrimoniale, Toto e Atlantia sarebbero state incompatibili e su Efromovich c’era il veto di Delta che intende essere il solo gestore industriale della cordata. Il proprietario di Avianca (che tuttavia in questa partita interveniva solo a titolo personale) era pronto a investire 400 milioni. Tuttavia Mediobanca, advisor di Fs ha mostrato scarsa fiducia nella solidità finanziaria della proposta. Il Consiglio d’amministrazione di Fs si sarebbe protratto così a lungo perché era nota la preferenza dei Cinquestelle per il gruppo Toto come contraltare ad Atlantia.

A pesare, come noto, la tragedia del Ponte Morandi e la questione delle concessioni autostradali. La holding della famiglia Benetton dal canto suo non ha fatto mistero dell’intenzione di lasciare all’amministratore delegato Giovanni Castellucci la valutazione attenta del piano industriale e della compagine azionaria della nuova compagnia, sottoponendo poi le sue conclusioni al cda. Se così fosse, la soluzione definitiva per Alitalia non potrebbe che arrivare dopo l’estate, considerando anche la pausa agostana. Ora si entrerà nella fase decisiva, quella che dovrà valutare il merito della proposta targata Atlantia. Ovviamente il nodo principale da sciogliere è quello relativo all’approvazione, e all’eventuale integrazione, del piano industriale già definito da FS e dal partner industriale, il vettore Usa Delta. Le quote della newco dovrebbero essere invece ormai definite: a Fs il 35%, al suo fianco il Mef con il 15% e poi Delta con il 10-15%. Il restante 35-40% andrà quindi alla holding quotata guidata da Giovanni Castelucci. Non è da escludere che lo Stato, rappresentato dal ministero delle Finanze, possa successivamente uscire di scena e la sua quota essere rilevata dalla compagnia aerea americana. Sul fronte della governance Ferrovie avrà la presidenza, mentre andrà individuato il nuovo amministratore delegato e con ogni probabilità anche il direttore finanziario.

“Come atteso, il Cda di FS ha individuato i partner per il consorzio per la newco Alitalia. È ancora assente un piano industriale compiuto, ma è evidente che i partner individuati non appaiono adeguati a dare credibilità alla strategia di rilancio promessa e necessaria. Chiediamo al Ministro Di Maio di venire al più presto in Parlamento a riferire. Meglio un ulteriore rinvio che accrocchi estemporanei” afferma in una nota Stefano Fassina di Leu. “Quindi il gruppo Benetton gestirà Alitalia. Ottima scelta in termini di qualità del management e di solidità dell’investitore. Ma dopo tutto quello che hanno detto dei Benetton, come fanno Di Maio e Toninelli a non vergognarsi? Sono semplicemente ridicoli” scrive su facebook Matteo Renzi.

Share