Reddito di cittadinanza. Al via il maxiconcorso per i navigator. In 54.000 alla Fiera di Roma per la tre giorni di prime prove

Reddito di cittadinanza. Al via il maxiconcorso per i navigator. In 54.000 alla Fiera di Roma per la tre giorni di prime prove

Sono iniziate oggi, martedì 18 giugno, le prime prove del maxiconcorso per gli aspiranti navigator che dovranno collaborare con le politiche attive del lavoro previste dal reddito di cittadinanza: 2.980 i posti previsti per questa prima ondata, ai quali in seguito ne verranno aggiunti altri 5.600 nei centri per l’impiego regionali. Inizialmente le domande di partecipazione inviate sono state circa 79.000, di cui ne sono state accettate 54.000, scaturite da una selezione in base alla votazione di laurea dei candidati. Vale a dire, per ognuno di loro, una possibilità su venti di farcela. A disposizione 100 minuti per rispondere a 100 domande a risposta multipla: condizione per passare la prima prova preselettiva. Tra gli argomenti di punta, preparati attraverso il supporto di libri, guide, dispense e gruppi di studio nati sui social: logica, informatica, economia aziendale, politica, codici, nozioni di diritto del lavoro, reddito di cittadinanza.

Il via stamani alle ore 9. Ma come succede sempre di solito nello svolgersi dei concorsi, ai cancelli di Fiera di Roma si sono presentate meno persone rispetto al numero atteso di 18.000 candidati, suddivisi tra il turno del mattino e quello pomeridiano a partire delle ore 14:30. Altri turni di prove sono previsti fino alla giornata di venerdì 21 giugno compresa. Una possibilità che in molti hanno deciso di tentare per guadagnarsi un lavoro, seppure a tempo determinato, ma che servirà, a coloro che ora percepiscono il reddito di cittadinanza, di rientrare per un po’ nel mondo del lavoro. La finestra di occupazione, infatti, sarà di circa due anni. Il contratto offerto agli idonei sarà di collaborazione con scadenza dell’incarico previsto per il 30 aprile 2021. Per quanto riguarda il compenso lordo annuale percepito dai navigator, si parla di 27.338,76 euro, ai quali si aggiungeranno mensilmente 300 euro lordi come rimborso forfettario per spese di viaggio, vitto e alloggio. Molti di loro hanno affrontato viaggi lunghi in treno, soprattutto, ed aereo per poter arrivare a mettersi in quella fila alla Fiera di Roma, pronti a cominciare.

Secondo i dati dell’Anpal, una consistente percentuale dei candidati è rappresentata dalle donne, circa il 73% delle presenze, vale a dire circa 39.528, di cui la metà ha un’età compresa tra i 30 e i 40 anni. Provengono da tutta Italia, accompagnati da amici, parenti e figli, ma una grossa fetta di candidati partecipanti proviene dal Sud, circa 29.193: Campania (9.420), Sicilia (8.580) e Puglia (4.960). Il 31% dei candidati selezionati (16.953) ha una laurea in Giurisprudenza, 12.080 quella in Psicologia e 7.242 in Scienze economico-aziendali.

Il piano di inserimento dei futuri 2980 idonei prevede, come indicato da Anpal Servizi, il collocamento su tutto il territorio nazionale, con l’obiettivo di uniformare la tipologia di offerta dei servizi dei principali centri per l’impiego presenti in Italia: in testa la Campania che inserirà 471 navigator presso i propri enti di competenza, di cui 274 a Napoli; segue la Sicilia con 429 totali, di cui 125 a Palermo e 100 a Catania; in Lombardia 329 navigator, di cui 76 a Milano e 50 a Brescia; nel Lazio 273, di cui 195 nella provincia di Roma.

Share