Caso Diciotti. Ore decisive al Senato per l’autorizzazione a procedere contro Salvini, accusato di sequestro di persona aggravato dal tribunale dei ministri di Catania. Lega, Fi e FdI per il no. Grillini tentennano. Pd verso il sì

Caso Diciotti. Ore decisive al Senato per l’autorizzazione a procedere contro Salvini, accusato di sequestro di persona aggravato dal tribunale dei ministri di Catania. Lega, Fi e FdI per il no. Grillini tentennano. Pd verso il sì

Adesso dalla Lega arriva l’ultimatum. Mercoledì alle 11 il caso Salvini approderà all’esame della Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari del Senato e dalle parole si passerà ai fatti. Il tribunale dei ministri ha indagato il titolare del Viminale per sequestro di persona aggravato dopo quanto accaduto con la nave Diciotti e sono i due capigruppo di Senato e Camera, Massimiliano Romeo e Riccardo Molinari a mettere le cose in chiaro: “Processare chi, nell’esercizio delle sue funzioni di ministro dell’Interno, ha contemporaneamente agito nel pieno rispetto delle leggi e della Costituzione e ottemperato al mandato ricevuto dagli elettori, significa inequivocabilmente – mettono nero su bianco – tentare di processare il governo”. Il Carroccio, ovviamente, respingerà – sia in Giunta che in Aula – la richiesta di autorizzazione a procedere nei confronti di Salvini e lo stesso faranno FI e FdI. Nell’organo deputato a decidere sull’immunità, però, sono in ‘cassaforte’ solo otto voti contrari su 23: quattro arriveranno dai senatori della Lega, tre da Forza Italia perché il presidente, Maurizio Gasparri, per prassi non vota e uno da FdI. Sul fronte opposto ci sarà probabilmente il Pd, il cui voto risulta pertanto decisivo.

Oggi a Palazzo Madama, si sono riuniti per la prima volta con il presidente Andrea Marcucci, i quattro componenti dem della Giunta che hanno concordato sulla “necessità di seguire l’iter” della richiesta in Giunta e di “approfondire la questione, da tutti i punti di vista”. I senatori giudicano “seria e ben documentata” la richiesta del Tribunale dei ministri e tutto sembra costituire la premessa a un voto condiviso e positivo alla richiesta di autorizzazione a procedere. Anche Matteo Renzi, che sarà chiamato a esprimersi quando il caso arriverà nell’aula del Senato, annuncia il suo sì: “Sono arrivate in Senato le carte del Tribunale dei Ministri nei confronti di Matteo Salvini. Dopo averle lette con attenzione e senza alcun pregiudizio ideologico – sottolinea – voterò a favore della richiesta di autorizzazione a procedere”. Orientato a far procedere l’azione penale degli inquirenti, poi, anche il leader di Leu Pietro Grasso. Mentre si dichiarano ancora indeciso il senatore delle Autonomie Meinhard Durnwalder (che si è astenuto in occasione della fiducia al governo M5S -Lega e che potrebbe fare altrettando in questa circostanza) e Gregorio De Falco, passato al gruppo Misto dopo l’espulsione dal M5S, ma che spesso si è dichiarato a favore dei dettami originari del Movimento, tra i quali ‘la legge è uguale per tutti’.

Tutto dipenderà, insomma, da cosa deciderà di fare il M5S che in Giunta conta ben 7 senatori. Il capo politico, Luigi Di Maio, fa capire che dai pentastellati arriverà il via libera ai magistrati, “perché è quello che vuole Salvini”, ma ancora non tutto è deciso. “Il sì dei commissari M5S? Non è scontato – spiega Mario Giarrusso, componente della Giunta riconfermato dopo la passata legislatura – stiamo decidendo”, assicura. In realtà, viene spiegato, i grillini aspettano che sia Salvini a fare chiarezza in prima persona, chiedendo una mano all’alleato in nome di una politica migratoria decisa insieme. Se il ministro dell’Interno finisse a processo – ragionano alcuni pentastellati – tutto il Governo sarebbe in imbarazzo e a maggior ragione il ministro dei Trasporti Toninelli che del vicepremier leghista ha benedetto ogni mossa. In più, in caso di un’eventuale condanna il ‘contratto’ M5S-Lega, alla voce ‘Codice etico dei membri del Governo’, parla chiaro: “Non possono entrare a far parte del governo – si legge – soggetti che siano sotto processo per reati gravi (ad esempio: mafia, corruzione, concussione, etc.)”. Il sequestro di persona aggravato non è contemplato. Ma vallo a spiegare alla base.

Share