Bari, sequestrano un 21enne per recuperare un presunto debito di una parente della vittima. Arrestati in cinque

Bari, sequestrano un 21enne per recuperare un presunto debito di una parente della vittima. Arrestati in cinque

Armati di un kalashnikov e di almeno tre pistole, avevano fatto irruzione nell’abitazione di un fornaio a Noci. Dopo aver rapinato le vittime e sparato alcuni colpi a scopo intimidatorio, erano fuggiti portando via il figlio dell’uomo. Al termine di serrate indagini, i carabinieri sono riusciti ad individuarli e ad arrestare i presunti responsabili della rapina con sequestro di persona, avvenuta la notte precedente. In manette, con le accuse di sequestro di persona a scopo di estorsione, rapina aggravata e detenzione di armi, sono finite cinque persone. Il giovane è stato poi ritrovato e liberato dai carabinieri a distanza di poche ore, legato nel ripostiglio dell’abitazione di uno dei rapitori che è stato arrestato insieme con i suoi presunti complici, con l’accusa di sequestro di persona a scopo di estorsione, rapina aggravata e detenzione di armi.

Dalle indagini è emerso che il rapimento riguarderebbe il recupero di un presunto credito di 50mila euro maturato dai rapitori nei confronti di un parente del giovane, per il pagamento di una partita di droga. I rapitori, tutti con precedenti, sono arrivati a casa del giovane domenica sera, e dopo aver rapinato i suoi parenti si sono allontanati portando via il 21enne. A quanto si apprende, l’immediato intervento di una pattuglia della Compagnia dei carabinieri di Gioia del Colle ha indotto i malfattori ad abbandonare le auto utilizzate per il rapimento. In uno dei mezzi usati per la fuga è stato trovato e sequestrato il fucile d’assalto utilizzato nell’azione. Grazie al contributo del padre del ragazzo e di un loro parente i carabinieri hanno inquadrato il rapimento nel tentativo di recuperare un cospicuo credito maturato nei confronti delle vittime, per il pagamento di una partita di droga. 

Share