Muore nel sonno l’ex campionessa azzurra di pattinaggio Giada Dall’Acqua

Muore nel sonno l’ex campionessa azzurra di pattinaggio Giada Dall’Acqua

Lutto nel mondo del pattinaggio artistico a rotelle: è morta a 28 anni Giada Dall’Acqua, istruttrice ed ex atleta azzurra. La pattinatrice è deceduta nel sonno a San Giovanni in Marignano (Rimini) un paio di giorni fa, come riporta la stampa locale. La donna aveva una bimba di 18 mesi  e solo da un mese si era sposata col suo compagno Thomas.

Mercoledì dopo pranzo si era coricata per riposare e non si è più svegliata. I primi accertamenti del medico legale sembrano propendere per le cause naturali ma è stata comunque disposta l’autopsia. Una notizia, quella della morte di Giada, che si è abbattuta come un fulmine a ciel sereno sulla comunità di San Giovanni, dove la giovane abitava insieme al marito, e su quella di Misano, la città in cui era cresciuta, in cui aveva frequentato le scuole e dove aveva iniziato a muovere i primi passi nel mondo del pattinaggio artistico, sport che nel corso degli anni era diventato una delle sue ragioni di vita, portandola anche a competere a livello nazionale ed europeo e poi a diventare un’istruttrice. Da tempo collaborava con la Pietas Julia, la scuola di pattinaggio di Misano che era diventata un po’ la sua seconda casa.

Decine e decine i messaggi di cordoglio e vicinanza alla famiglia che, nelle ultime 24 ore, hanno tappezzato la bacheca Facebook di Giada. Un fiume di lacrime e dolore che è subito straripato sulle pagine dei social network. “Questa notizia mi ha spaccato il cuore! – scrive un amico della 28enne – Giadina è cresciuta con l’amore per il pattinaggio. Una vita strana e crudele le ha impedito di continuare a scivolare su quelle rotelle. Io spero con vero sentimento che ora possa volare e volteggiare come un angelo nel cielo. Sarai sempre nei nostri cuori: ora insegna agli angeli lassù a pattinare.

Share