F1, Gran Premio del Belgio a Spa. Vettel torna a vincere, stacca Hamilton e riapre il duello per il mondiale. Raikkonen costretto al ritiro. Domenica a Monza la “rossa” attesa ad una nuova impresa

F1, Gran Premio del Belgio a Spa. Vettel torna a vincere, stacca Hamilton e riapre il duello per il mondiale. Raikkonen costretto al ritiro. Domenica a Monza la “rossa” attesa ad una nuova impresa

Sebastian Vettel torna a vincere. Con la sua Ferrari taglia per primo il traguardo del Gran Premio di Spa. La vittoria in Belgio può riaprire il mondiale che sembrava ormai chiuso con Hamilton che prevalendo negli ultimi gran premi aveva scavalcato Vettel distanziandolo di ben 24 punti. Ora il pilota tedesco si è riavvicinato ad Hamilton, recuperando sette punti. Il pilota  della Mercedes guida la classifica con 231 punti, segue il ferrarista con  214. Per quanto riguarda la classifica dei costruttori la Ferrari ha 360 punti mentre la Mercedes ne ha totalizzati 375. Poteva andar meglio visto l’andamento della gara ma Raikkonen è stato costretto al ritiro e non ha potuto portare punti sia per la sua classifica che per quella dei costruttori.

Subito al via  un incidente. Hulkenberg  tampona Alonso che vola in aria sulla testa di Leclerc, rompe l’ala posteriore di Ricciardo che a sua volta colpisce Raikkonen. Si ritirano  Hulkenberg, Alonso, Leclerc. Il finlandese della Ferrari deve cambiare le gomme ma al giro numero 8 torna ai box, cambia i pneumatici ma le ruote fumano ed è costretto al ritiro.  Vettel rimane solo, ma la sua corsa è stata esemplare fin dall’inizio. Voleva vincere, tornare in lotta per il primo posto nella classifica del mondiale. Ed  è riuscito nell’intento portando la Ferrari al primo posto.

“Grazie ragazzi – dice appena arrivato. rivolto al team che lo ha assistito – bella gara” e canticchia felice. Si tratta del successo numero 52 nella sua carriera. Scavalca Alain Prost.  È la terza vittoria a Spa, la quinta stagionale. Per la Ferrari la prima dopo nove anni in Belgio, quando  trionfò Raikkonen. Alle sue spalle  Lewis Hamilton, partito dalla pole, che non è riuscito a rimontarlo ed ha lottato per mantenere la seconda posizione. Terzo l’olandese della Red Bull Max Verstappen. Quarto, dopo una grande rimonta, Valeri Bottas che era partito in 17esima posizione.

Intervistato dai cronisti che gli fanno notare che ora ha realizzato più vittorie di Prost dice: “Più vittorie di Alain? Wow. Buon primo giro e grande partenza, Lewis (Hamilton ndr) mi ha spinto tanto sulla sinistra, sapevo di avere una possibilità più avanti sulla collina, l’anno scorso non ci sono riuscito stavolta sì, poi mi si è attaccata anche la Force India. Poi è entrata la safety car, ma sono riuscito a ripartire bene e avevo il passo. Anche nel traffico ho avuto fortuna, ho visto che Lewis non spingeva così tanto negli ultimi 15 giri e ho vinto. Guardiamo con ottimismo a Monza”.

Arrivabene (Ferrari). Noi maghi dell’asciutto, Hamilton della pioggia

Il team principal della Ferrari, Maurizio Arrivabene: “Grazie Seb, bellissima gara. Un martello. Hamilton mago della pioggia, noi maghi dell’asciutto. Adesso a Monza, dove avremo bisogno del 12° uomo in campo”. Già, la pioggia. Le ultime gare in Germania e in Ungheria erano state segnate dalla pioggia, non proprio gradita dalle rosse di Maranello. Hamilton non si aspettava di trovare un Ferrari, un Vettel in particolare così forte avendolo battuto due volte. A corsa terminata va a congratularsi con Vettel, cercando di capire come è stata possibile la vittoria della “rossa”. Ai cronisti dice: “Congratulazioni a Seb (Sebastian Vettel ndr), io ho fatto tutto il possibile. Quando mi ha superato non l’ho quasi neanche visto. Alla ripartenza della safety ci ho riprovato, ma visto quanto sono veloci forse mi avrebbe superato di nuovo lo stesso. Hanno trovato qualche trucco speciale nella loro macchina, noi dobbiamo continuare a lavorare”. Soddisfatto anche Verstappen, partito 7° dalla quarta fila: “All’inizio ho dovuto attaccare e superare un paio di macchine, poi siamo rimasti lontani dai guai e abbiamo fatto la nostra gara. Sono molto contento del podio qui. Prima abbiamo avuto un po’ di sfortuna, oggi sono molto contento”. Sconsolato Kimi Raikkonen. Nelle prove si era classificato al sesto posto, la pioggia lo aveva danneggiato. Nel giro conclusivo quando poteva recuperare è rimasto senza benzina. Non ha potuto tentare di recuperare posizioni con un giro più veloce. Non è andata meglio in corsa. Dice Kimi: “Sono stato colpito da dietro, ho danneggiato il fondo e la gomma posteriore. La gara è finita lì. Avevo la macchina troppo danneggiata per continuare”.

Ordine d’arrivo del gran premio del Belgio, 13/a prova del Mondiale di Formula 1

1. Sebastian Vettel (Ger/Ferrari) in 1h23’34”476 2. Lewis Hamilton (Gb/Merceds) a 11”061 3. Max Verstappen (Ola/Red Bull) 31”372 4. Valtteri Bottas (Fin/Mercedes) 1’03”605 5. Sergio Perez (Mex/Force India) 1’10”023 6. Esteban Ocon (Fra/Force India) 1’19”520 7. Romain Grosjean (Fra/Haas) 1’25”953 8. Kevin Magnussen (Dan/Haas) 1’27”639 9. Pierre Gasly (Fra/Toro Rosso) 1’45”892 10.Marcus Ericsson (Sve/Sauber) a in giro 11.Carlos Sainz (Spa/Renault) 12.Sergey Sirotkin (Rus/Williams) 13.Lance Stroll (Can/Williams) 14.Brendon Hartley (Nzl/Toro Rosso) 15.Stoffel Vandoorne (Ola/McLaren)

Classifica mondiale piloti 1. Lewis Hamilton 231 punti 2. Sebastian Vettel 214 3. Kimi Raikkonen 146 4. Valtteri Bottas 144 5. Max Verstappen 120 6. Daniel Ricciardo 118 7. Nico Hulkenberg 52 8. Kevin Magnussen 49 9. Fernando Alonso 44 10. Sergio Perez 40 11. Esteban Ocon 37 12. Carlos Sainz 30 13. Pierre Gasly 28 14. Romain Grosjean 27 15. Charles Leclerc 13 16. Stoffel Vandoorne 8 17. Marcus Ericsson 6 18. Lance Stroll 4 19. Brendon Hartley 2

Classifica mondiale costruttori 1. Mercedes 375 punti 2. Ferrari 360 3. Red Bull 238 4. Renault 82 5. Haas Ferrari 76 6. McLaren Renault 52 7. Scuderia Toro Rosso Honda 30 8. Sauber Ferrari 19 9. Racing Point Force India 18 10.Williams Mercedes 4.

Share