Tragedia in Hotel a Sperlonga (Lt), ragazzina di 13 anni muore aspirata dal bocchettone di depurazione e ricambio dell’acqua della piscina

Tragedia in Hotel a Sperlonga (Lt), ragazzina di 13 anni muore aspirata dal bocchettone di depurazione e ricambio dell’acqua della piscina

Tragedia in un Grand hotel di Sperlonga, località turistica in provincia di Latina. Una ragazza di 13 anni di Frosinone, in vacanza con i genitori, è morta dopo essere stata aspirata da un bocchettone della piscina. La ragazza era già in gravi condizioni quando è stata soccorsa, subito dopo l’incidente, avvenuto nel tardo pomeriggio di mercoledì. Ricoverata in ospedale, è deceduta nella notte.

Sia la piscina che l’area dei depuratori e dei motori che consentono la depurazione dell’impianto, sono stati messi sotto sequestro. Secondo una prima parziale ricostruzione alle 17 di mercoledì, la 13enne si è tuffata per farsi un bagno quando è stata aspirata da un bocchettone ampio circa 20 centimetri che si trova sul fondo della piscina.

Vedendola in difficoltà, alcune persone l’hanno aiutata riuscendo a portarla fuori dall’acqua. La ragazza, che aveva ripreso conoscenza dopo essere stata rianimata da un dottore, è deceduta nella notte in ospedale. Non è chiaro, però, quanto tempo è passato tra il momento del blocco e la liberazione della ragazza.

Sulla vicenda indagano i carabinieri della stazione di Sperlonga e della compagnia di Terracina. Sul corpo della ragazza sarà effettuata l’autopsia per stabilire le cause esatte del decesso e capire se la 13enne sia stata colta da un malore.

Share