Tour de France. La sfida dei Pirenei la vince il terzo incomodo, lo slavo Roglic, Froome giù dal podio. Thomas guarda a Parigi.

Tour de France. La sfida dei Pirenei la vince il terzo incomodo, lo slavo Roglic, Froome giù dal podio. Thomas guarda a Parigi.

I Pirenei hanno perso lo smalto di un tempo che fu. Le ultime salite, lunghe e dure, l’ Aubisque, il Tourmalet, il Col d’Aspin, che hanno fatto la storia dei grandi scalatori, si sono limitate a segnalare un nuovo campione. Un giovanotto sloveno che non aveva avuto un gran posto nelle cronache, malgrado la classifica niente male, un ex campioncino di salto con gli sci, non solo ha vinto la tappa staccando tutti ma è salito al terzo posto ed ora punta al secondo occupato da Dumoulin. Roglic è un cronoman di razza, se la deve vedere con il campione del mondo del cronometro. E in cuor suo pensa anche ad un arrivo a Parigi in maglia gialla. Non si sa mai anche se Geraint Thomas, il gallese che ha spodestato Froome, il capitano, è in ottima forma ed è sicuro della vittoria. Froome cercherà solo di salire sul podio, ma non sarà facile. Roglic tenterà di tutto. La tappa pirenaica è stata giocata tutta da lui. In testa sulle salite, una discesa perfetta, un allungo cui nessuno ha resistito, sono il segno che  è nato un vero campione con qualche anno di ritardo. Ora a 28 anni ha scoperto che può vincere una grande corsa. Già pensa alla Vuelta e poi al Giro d’Italia dell’anno prossimo. La sfilata sui Campi Elisi se la godrà Geraint Thomas. Il gallese corre in maniera perfetta, sempre sicuro di sé anche nel momento in cui resta senza squadra, prima della volata prepotente che gli vale il secondo posto di una giornata da Tour: tosta, soffocata dall’afa, dove è impossibile bluffare.

Si arriva a Laruns 200 km dopo la partenza da Lourdes  per la prima volta nel 1948.La vittoria non poteva che andare al ‘pio’ Gino Bartali. È il giorno delle montagne mitiche dei Pirenei, quelle più frequentate nella storia del Tour. Primo assaggio nel 1910, Aspin scalato 73 volte, Tourmalet 82, Aubisque 74. “È sempre una sensazione bellissima trionfare al Tour – spiega il vincitore – Avevo le gambe oggi e così ho tentato il tutto per tutto. Mi sono divertito tanto a correre così in discesa, anche se qualcuno dice di non fare mai così. La crono di domani sarà decisiva per il podio: partiamo tutti più o meno allo stesso livello, vedremo”. Già, vedremo lo dice anche Thomas il quale afferma: “Mi sento vicino al successo. Il vantaggio è consistente ma nella crono può sempre succedere di tutto”.

L’ordine di arrivo della 19/a tappa del Tour de France, la Lourdes-Laruns di 200,5 km

1. Primoz Roglic (SLO/LNL) 200,5 km in 5 h 28:17 (media: 36,7 km/h), 2. Geraint Thomas (GBR/SKY) a 19, 3. Romain Bardet (FRA/ALM) 19, 4. Daniel Martin (IRL/EAU) 19, 5. Rafal Majka (POL/BOR) 19, 6. Tom Dumoulin (OLA/SUN) 19, 7. Mikel Landa (SPA/MOV) 19, 8. Christopher Froome (GBR/SKY) 19, 9. Steven Kruijswijk (OLA/LNL) 31, 10. Ilnur Zakarin (RUS/KAT) 31, 11. Gorka Izagirre (SPA/BAH) 1:47, 12. Bob Jungels (LUX/QST) 1:47, 13. Egan Bernal (COL/SKY) 1:47, 14. Domenico Pozzovivo (ITA/BAH) 3:39, 15. Ion Izagirre (SPA/BAH) 3:39, 16. Tanel Kangert (EST/AST) 3:57, 17. Pierre Latour (FRA/ALM) 4:31, 18. Antwan Tolhoek (OLA/LNL) 6:52, 19. Nairo Quintana (COL/MOV) 7:09, 20. Jakob Fuglsang (DAN/AST) 7:18.

La classifica generale del Tour de France dopo la 19/a tappa

1. Geraint Thomas (GBR/Sky) 79 h 49:31, 2. Tom Dumoulin (OLA/SUN) a 2:05, 3. Primoz Roglic (SLO/LNL) 2:24, 4. Christopher Froome (GBR/SKY) 2:37, 5. Steven Kruijswijk (OLA/LNL) 4:37, 6. Mikel Landa (SPA/MOV) 4:40, 7. Romain Bardet (FRA/ALM) 5:15, 8. Daniel Martin (IRL/EAU) 6:39, 9. Nairo Quintana (COL/MOV) 10:26, 10. Ilnur Zakarin (RUS/KAT) 11:49, 11. Bob Jungels (LUX/QST) 15:54, 12. Jakob Fuglsang (DAN/AST) 16:36, 13. Pierre Latour (FRA/ALM) 20:21, 14. Alejandro Valverde (SPA/MOV) 25:50, 15. Egan Bernal (COL/SKY) 26:08, 16. Tanel Kangert (EST/AST) 31:19, 17. Warren Barguil (FRA/FST) 33:59, 18. Domenico Pozzovivo (ITA/BAH) 36:37, 19. Rafal Majka (POL/BOR) 37:35, 20. Guillaume Martin (FRA/WGG) 40:00.

Share