Parnasi resta in carcere. Non basta il sì alla scarcerazione dei Pm, per il Gip non sono mutate le esigenze cautelari

Parnasi resta in carcere. Non basta il sì alla scarcerazione dei Pm, per il Gip non sono mutate le esigenze cautelari

Il costruttore Luca Parnasi, arrestato lo scorso 13 giugno nell’ambito dell’inchiesta sul nuovo Stadio della Roma, resta in carcere. Lo ha deciso il gip Maria Paola Tomaselli che ha respinto la richiesta di scarcerazione presentata dai difensori al termine dell’interrogatorio durato 11 ore, malgrado il parere favorevole anche dei Pm, la Procura aveva dato disco verde alla concessione dei domiciliari. La decisione del gip di non concedere gli arresti domiciliari sarebbe legata al fatto che per Parnasi non sono mutate le esigenze cautelari rispetto all’ordinanza di custodia cautelare del 13 giugno scorso. In sostanza nel corso dell’interrogatorio il costruttore non avrebbe fornito elementi sufficienti a modificare la misura della detenzione in carcere. Parnasi si trova detenuto a Rebibbia.

Share