Pakistan sotto attacco Isis, due attentati con 127 morti e decine di feriti

Pakistan sotto attacco Isis, due attentati con 127 morti e decine di feriti

Pakistan, sotto attacco Isis. Due attentati hanno fatto strage durante la campagna elettorale per il rinnovo del parlamento in programma per il prossimo 25 luglio. Le vittime, secondo gli ultimi numeri forniti dalle autorità pachistane, sarebbero sono 127 persone, numero confermato anche dalle agenzie di stampa internazionali. L’attentato più grave, che ha ucciso almeno oltre 100 persone, è avvenuto nella città di Dringarh, che si trova nella regione sud-occidentale del Belucistan: un attentatore suicida si è fatto esplodere durante un comizio del partito Belucistan Awami (BAP). Nell’attentato è morto anche Siraj Raisani, candidato all’assemblea regionale per il BAP.

L’altro attentato è avvenuto a Bannu, nella regione nord-occidentale di Khyber Pakhtunkhwa, durante un comizio dell’Associazione degli Ulam dell’Islam, un partito conservatore: almeno 4 persone sono morte e 19 sono state ferite, molte di queste in gravi condizioni ed in pericolo di vita. L’attentato non è stato compiuto da un kamikaze, ma attraverso una bomba azionata a distanza. Akram Khan Durrani, il politico che stava tenendo il comizio, è rimasto illeso. Il Belucistan è una delle province storicamente più instabili del Pakistan, oltre a essere la più grande: ha una lunga storia di ribellioni e guerriglia portate avanti da diversi gruppi separatisti, ma ha avuto molti problemi anche per la presenza di al Qaida. Nelle ultime settimane c’erano già stati alcuni attacchi degli indipendentisti beluci in vista delle elezioni, e in passato nella zona di Dringarh il  gruppo armato jihadista Lashkar-e-Jhangvi aveva compiuto attentati che avevano colpito soprattutto musulmani sciiti diretti in pellegrinaggio in Iran. I due attentati sarebbero stati rivendicati da cellule Isis, gruppo che in Pakistan contende la supremazia del terrorismo islamista, alle fazioni legate ai talebani afgani ed radicalisti pachistani.

Share