Batterio listeria, ritirati anche dai market italiani prodotti a marchio Findus. Lidl fa lo stesso con due surgelati Freshona

Batterio listeria, ritirati anche dai market italiani prodotti a marchio Findus. Lidl fa lo stesso con due surgelati Freshona

L’allerta europeo sulla presenza di listeria in prodotti surgelati arriva anche in Italia. Findus e Lidl hanno infatti ritirato dal mercato prodotti che potrebbero essere stati contaminati dal batterio che dal 2015 ha provocato 47 casi, tra cui 9 morti in 5 paesi europei, ovvero Austria, Danimarca, Finlandia, Svezia e Regno Unito. Occorre specificare che la cottura degli alimenti annulla i rischi per la salute.

Findus ha richiamato in tutto 14 lotti di minestrone. Come spiega la stessa azienda in una nota pubblicata sul proprio portale, “la decisione, volontaria e in via del tutto precauzionale, di richiamare questi prodotti – si legge – è stata presa a seguito della segnalazione del fornitore Greenyard, della potenziale contaminazione da Listeria di una partita di fagiolini, utilizzati in minima parte all’interno dei prodotti oggetto del richiamo”.

La prevenzione del rischio riguarda anche Lidl, che ha invece ritirato due prodotti, sempre surgelati a marchio Freshona, ma solo nei punti vendita della Sicilia. Anche in questo caso, si tratta di un provvedimento a scopo precauzionale “per rischio di contaminazione da Listeria monocytogenes”.

C’è poi da registrare la nota del nostro ministero della Sanità. Al momento non risultano focolai di Listeria in Italia ed il ritiro dei prodotti sono effettuati in via precauzionale. Lo spiega il ministro della Salute Giulia Grillo: “Sto seguendo con la massima attenzione la vicenda del batterio Listeria. I miei uffici hanno subito predisposto tutti i controlli e le misure necessarie”. I ritiri fanno seguito a una segnalazione di allerta europea proveniente dall’Ungheria. La Listeria è resistente alle basse temperature e, ricorda il ministro, viene inattivato con la cottura.

Il batterio listeria di cui è in corso in Europa un’epidemia ha causato finora, 47 contagi e 9 decessi. “Findus tiene a precisare che la categoria dei prodotti oggetto del richiamo prevede il consumo solo previa cottura, come chiaramente indicato sulle confezioni. La cottura del prodotto annulla ogni potenziale rischio per la salute”.

Share