Camping River, scontri tra rom e Municipale nella notte. I residenti hanno lasciato l’area

Camping River, scontri tra rom e Municipale nella notte. I residenti hanno lasciato l’area

Si è chiusa con una fitta sassaiola la giornata che ha visto lo sgombero parziale del Camping River di Roma. Le persone accampate davanti all’insediamento avrebbero cercato, giovedì sera di rientrare, complice un violento acquazzone, all’interno dell’insediamento, ma sono state contrastate dalla polizia locale, ne sarebbe nata una sassaiola contro i vigili. Ferito all’arcata sopraccigliare un agente del gruppo X Mare di Ostia, che ha avuto una prognosi di 7 giorni. Intanto questa mattina sono ripresi i lavori all’interno dell’ex campeggio e quel che resta di 15 moduli abitativi di proprietà di Roma Capitale sono stati rimossi. Tutti o quasi i residenti, si sono comunque allontanati, visto che ormai all’interno del campo era impossibile una qualsiasi sistemazione degna di questo nome. Sempre nella mattinata di venerdì è continuata la raccolta da parte di Ama delle masserizie all’esterno del campo, accatastate sulla strada dalle persone che si erano opposte all’allontanamento e che ieri sera hanno aggredito gli agenti della Polizia Locale a presidio del cancello di ingresso, con una sassaiola che ha provocato il ferimento di un operatore, ricoverato all’ospedale Sant’Andrea con una prognosi di 7 giorni. Davanti e dentro l’area attrezzata non c’è più nessun residente. Una parte ha accettato le proposte fatte dal Comune, altri hanno scelto residenze alternative.

Share