Regione Lazio, tagliati i vitalizi. Torna il contributo di solidarietà degli ex consiglieri che costituirà un fondo per l’abbattimento delle liste d’attesa

Regione Lazio, tagliati i vitalizi. Torna il contributo di solidarietà degli ex consiglieri che costituirà un fondo per l’abbattimento delle liste d’attesa

“La Regione Lazio ha approvato all’unanimità in Consiglio un sub emendamento che taglia i vitalizi in erogazione fino al 2023 attraverso la reintroduzione del contributo di solidarietà (scaduto lo scorso 31 dicembre). Le risorse che derivano dal taglio, stimate in 12,5 milioni, verranno investite nell’abbattimento delle liste e dei tempi d’attesa e per favorire l’ammodernamento tecnologico delle attrezzature e strumentazioni sanitarie e informatiche delle aziende sanitarie, ospedaliere e degli istituti di ricovero e cura a carattere scientifico pubblici. Oltre a rinnovare il taglio dei vitalizi, scaduto lo scorso dicembre, la novità è che viene individuata chiaramente la destinazione dei risparmi con una durata ancora più lunga, estesa fino al 2023. Ringrazio il consiglio per il voto espresso: nel Lazio tutti insieme, all’unanimità, le rivoluzioni le facciamo coi fatti”. Con queste parole il presidente della Regione Lazio ha annunciato il taglio dei cosiddetti vitalizi maturati dai consiglieri regionali del Lazio. Si tratta di un provvedimento arrivato in aula con una emendamento dell’Ufficio di Presidenza, condiviso da tutte le forze politiche e votato all’unanimità.

Leodori: “Taglio è impegno mantenuto”

“La riforma dei vitalizi e l’approvazione all’unanimità dà una forza e un significato più alto alla scelta compiuta dall’intero Consiglio regionale del Lazio che ringrazio per lo spirito di collaborazione mostrata da tutti i gruppi”. Lo scrive in una nota il presidente del Consiglio regionale del Lazio, Daniele Leodori commentando l’approvazione della riforma dei vitalizi degli ex consiglieri regionali della Pisana. “Ho, abbiamo preso un impegno con noi stessi e con i cittadini prima del voto e io stesso avevo posto tra gli obiettivi della presidenza la razionalizzazione delle spese della politica, il tema dei cosiddetti vitalizi che ritengo sia un atto di giustizia. Siamo riusciti ad approvare con grande rapidità un provvedimento che avrà un arco di 5 anni – conclude Leodori – destinando le risorse, oltre 12 milioni di euro, ad abbattere le liste d’attesa che è una grande priorità della Regione”.

Buschini: “Risparmi per 12 milioni da destinare all’abbattimento delle liste d’attesa”

“I dodici milioni di euro risparmiati dal taglio dei vitalizi saranno destinati all’abbattimento delle liste di attesa. Una riforma, dunque, non demagogica ma che avrà ripercussioni positive sul sistema sanitario e, soprattutto, per le nostre comunità. Aver approvato all’unanimità dall’intero consiglio regionale questo provvedimento rafforza, ancor di più, lo spirito di un’azione giusta, che rappresentava un impegno preso con i cittadini e che abbiamo portato a termine in tempi rapidissimi”. Lo dichiara, in una nota, il capogruppo Pd Lazio Mauro Buschini Corrado: “Ora una riforma che li abolisca definitivamente”.

“Il rinnovo del contributo di solidarietà non sia la pietra tombale sulla possibilità di affrontare il tema deiu vitalizi attraverso una riforma che li abolisca definitivamente. Quindi sì ad un intervento immediato a patto che la questione non sia chiusa con una norma che riduce la spesa pubblica ma non cambia il sistema”. Questo, in sintesi, il contenuto dell’intervento della consigliera regionale del M5S Valentina Corrado, durante la dichiarazione di voto sull’emendamento ‘taglia-vitalizi’ alla legge di Bilancio della Regione Lazio in discussione oggi in Aula alla Pisana. “Come già fatto nella scorsa legislatura, e come già annunciato, presenteremo di nuovo una nostra proposta di legge per abolire una volta per tutte i vitalizi passando dal sistema retributivo a quello contributivo e introducendo il divieto di cumulo con i vitalizi ‘ereditati’ da altre cariche istituzionali”. “Siamo comunque soddisfatti – conclude Corrado – che con il nostro emendamento si è affrontato di nuovo il tema, aprendo il dibattito che ha portato ad una formula che farà risparmiare ai cittadini del Lazio 2,5 milioni di euro all’anno, che saranno reinvestiti in un fondo per l’abbattimento delle liste d’attesa della Sanità”.

Ma va detto, che non si tratta di un taglio radicale, visto che non tutto il percepito scomparirà dal trattamento economico degli ex. Per loro, infatti, ci saranno delle griglie a seconda di quanto incassato. Come scrive nella edizione online il Messaggero “il sacrificio chiesto agli ex consiglieri dipende dalla somma percepita: 8 per cento fino a 1.500 euro mensili, 10 per cento fino a 3.500, 13 per cento fino a 6.000, 17 per cento oltre 6.000. Il taglio viene aumentato del 40 per cento a chi riceve vitalizi da altre istituzioni (Parlamento italiano o europeo)”. Si tratta di un primo passo in attesa di una riforma complessiva.

Share