Il Giro torna in Italia. Vince Wellens. Terzo Battaglin. Una caduta fa perdere 6’’ ad Aru e 17” a Froome. Dennis guida ancora la classifica

Il Giro torna in Italia. Vince Wellens. Terzo Battaglin. Una caduta fa perdere 6’’ ad Aru e 17” a Froome. Dennis guida ancora la classifica

Il rientro del Giro in Italia dopo la “tre giorni” in Israele potrebbe lasciare un segno per quanto riguarda la classifica generale. Certo siamo solo alla quarta tappa, da Catania a Caltagirone, 198 chilometri, con qualche salita, una pendenza all’arrivo di quelle che provocano la selezione, ma il fatto è rappresentato da una caduta nel finale che ha coinvolto Aru e Froome, due dei candidati alla vittoria finale che hanno perso rispettivamente 6 e 17 secondi. Certo niente di che ma in un giro come questo i secondi sono preziosi. La vittoria è andata al belga Tim Wellens che nella dirittura finale, ultimo chilometro, pendenza con punte al 13%, brucia Michael Woods e l’azzurro Enrico Battaglin, proprio negli ultimi metri, forse partito troppo presto. Quarto il grande favorito Simon Yates, quinto Davide Formolo, nono Domenico Pozzovivo a 4 secondi. Rohan Dennis mantiene la maglia rosa. Battaglin aveva creduto nella possibile vittoria. È deluso ma dice che ci riproverà.

Tappa movimentata ma non cambiano le posizioni in classifica

Una tappa movimenta che, però, non ha cambiato le posizioni in classifica. Alle prime pendenze importanti ci provano Valerio Conti ed Edoardo Zardini. Conti punta alla conquista della maglia rosa ma a tremila metri dall’arrivo non c’è niente da fare. Viene ripreso. Tappa  caratterizzata dalla fuga di cinque corridori, scattati dopo una ventina di km, protagonisti Enrico Barbin, Jacopo Mosca, Marco Frapporti, Quentin Jauregui  e Maxim Belkov.  Guadagnano un vantaggio di oltre 3’30’’ sul gruppo. A un centinaio di km dal traguardo, il gruppo tirato dai gregari di Aru annulla  il vantaggio dei fuggitivi che mantengono la testa della corsa per soli 30’’. Poi tornano a guadagnare due minuti. Verranno raggiunti a 13 chilometri dal traguardo.  Si stacca Elia Viviani, vincitore delle due tappe che hanno fatto seguito alla cronometro. Lo sprint premia Welles, rinvenuto negli ultimi metri, che trascina Woods. Battaglin resiste all’attacco di Yates. E dà appuntamento alle tappe con qualche montagna in più.

Ordine d’arrivo della 4/a tappa del 101/o Giro d’Italia di ciclismo, da Catania a Caltagirone (Catania), lunga 198 chilometri.

1. Tim Wellens (Bel) in 5h17’34” (+10″ di abbuono) (media 38,165 km/h) 2. Michael Woods (Can) s.t. (+06″ di abbuono) 3. Enrico Battaglin (Ita) s.t. (+04″ di abbuono) 4. Simon Yates (Gbr) s.t. 5. Davide Formolo (Ita) s.t. 6. Roman Kreuziger (Cec) a 00’04” 7. Patrick Konrad (Aut) s.t. 8. Luis Leon Sanchez (Spa) s.t. 9. Domenico Pozzovivo (Ita) s.t. 10. Esteban Chaves (Col) s.t. 11. Tom Dumoulin (Ola) s.t. 12. Rohan Dennis (Aus) s.t. 13. Thibaut Pinot (Fra) s.t. 18. Fabio Aru (Ita) a 00’10” 30. Chris Froome (Ing) a 00’21”.

Classifica generale del 101/o Giro d’Italia di ciclismo dopo la 4/a tappa, da Catania a Caltagirone (Catania)

1. Rohan Dennis (Aus) in 14h23’08” (km 603,7, media 41,963 km/h) 2. Tom Dumoulin (Ola) a 00’01” 3. Simon Yates (Gbr) a 00’17” 4. Tim Wellens (Bel) a 00’19” 5. Pello Bilbao (Spa) a 00’25” 6. Maximilian Schachmann (Ger) a 00’28” 7. Domenico Pozzovivo (Ita) s.t. 8. Thibaut Pinot (Fra) a 00’34” 9. Patrick Konrad (Aut) a 00’35” 10. Carlos Betancur (Col) s.t. 11. Jose’ Goncalves (Por) a 00’36” 14. Esteban Chaves (Col) a 00’47” 20. Chris Froome (Gbr) a 00’55” 24. Fabio Aru (Ita) a 00’57” 30. Miguel Angel Lopez (Col) a 01’14”.

Share