Eruzione e sisma del 6.9 alle Hawaii, 10.000 evacuati e stato d’emergenza

Eruzione e sisma del 6.9 alle Hawaii, 10.000 evacuati e stato d’emergenza

Un terremoto magnitudo 6.9 ha colpito l’arcipelago delle Hawaii nei pressi del vulcano Kilauea, che ha ripreso la sua attività, con colate di lava ed alte colonne di denso fumo grigio e rosa, ma soprattutto con l’emissione di fumi tossici. Il sisma si è verificato poco dopo la mezzanotte locale a una profondità di 5 chilometri, con epicentro circa 16 chilometri a sudovest di Leilani Estates, i cui abitanti erano stati già in parte evacuati dalle autorità. Un altro sisma, magnitudo 5.7, si era già verificato ieri nella stessa località. Il Kilauea è uno dei cinque vulcani attivi nell’arcipelago delle Hawaii.

Sull’Isola grande è stato proclamato lo stato d’emergenza, con la lava che ha invaso le strade di alcuni centri abitati e 10.000 persone evacuate su base volontaria per il rischio degli incendi e delle esalazioni di anidride solforosa. Il sisma si è verificato a circa 15 chilometri a sudovest della zona residenziale di Leilani sulla Grande Isola, con sei grandi fratture che si sono aperte sul terreno da cui fuoriuscivano i vapori della lava. Distrutti ettari di boschi. Piccole onde di tsunami si sono generate attorno all’Isola grande ma non c’è stata un’allerta tsunami, malgrado le 120 scosse registrate nel giro di 24 ore.

Share