Trieste, accoltella ed uccide il marito 

Trieste, accoltella ed uccide il marito 

Ha confessato ed è ora in stato di fermo la moglie del 73enne trovato morto nel suo appartamento nel tardo pomeriggio di ieri a Trieste, nel rione Servola. Sul corpo dell’uomo è stata trovata una ferita all’addome inferta con un’arma da taglio. Gli accertamenti, si afferma dalla Questura di Trieste, sono in corso. Secondo le ricostruzioni la coppia, in crisi da diversi anni, ha litigato per “futili motivi”. L’alterco è culminato nella coltellata, in seguito alla quale la moglie ha contattato il Pronto soccorso. Gli sforzi del 118 non sono serviti però a salvare l’uomo.

La donna, di 69 anni, ha dapprima fornito una ricostruzione di comodo dei fatti avvenuti all’interno delle mura domestiche. Poi, dopo essere caduta in numerose contraddizioni, ha alla fine ammesso la sua responsabilità. Secondo quanto ricostruito dalla polizia, la coppia, che attraversava una crisi già da alcuni anni, era rientrata nel tardo pomeriggio dopo aver trascorso il pranzo pasquale a casa di alcuni parenti e si trovava nel soggiorno, quando i due hanno iniziato a discutere per futili motivi. L’uomo, che si trovava seduto sul divano, impugnando un coltello da cucina, si sarebbe alzato continuando ad insultare la moglie che era in piedi davanti a lui. Nonostante il racconto confuso, la donna ha dichiarato agli inquirenti che, piena di livore coltivato verso suo marito per i dissidi degli ultimi anni, si è sentita minacciata.

La 69enne avrebbe a quel punto sottratto il coltello al marito e, rivolgendolo verso di lui, lo avrebbe poi colpito al petto. Poi, resasi conto della situazione, ha chiamato l’emergenza sanitaria e il personale del 118 è arrivato sul posto ma nonostante i numerosi tentativi di rianimare l’uomo, per lui non c’è stato nulla da fare. Gli accertamenti successivi sono stati eseguiti dal personale della squadra mobile e coordinati dal sostituto procuratore della Repubblica di turno intervenuto sul posto che, dopo la confessione, ha disposto il fermo della donna in regime di arresti domiciliari. L’arma è stata ritrovata e l’appartamento sequestrato.

Share