Devastato a Milano l’Istituto Pedagogico della Resistenza. L’Anpi: “Fare piena luce sull’episodio”

Devastato a Milano l’Istituto Pedagogico della Resistenza. L’Anpi: “Fare piena luce sull’episodio”

Una vera e propria devastazione, quella che si sono trovati di fronte gli addetti dell’Istituto Pedagogico della Resistenza che ha sede a Milano. Si tratta con ogni probabilità di un atto di disprezzo politico per i valori che tra pochi giorni saranno celebrati in tutta Italia con la Festa nazionale del 25 di aprile. L’atto ignobile nella notte tra lunedì e martedì, solo nella mattinata del 3 sono stati scoperti i danneggiamenti. Porte divelte, finestre rotte, armadi danneggiati e documenti buttati all’aria. Durissima la reazione del consiglio direttivo dell’Istituto:”Visto il clima d’odio, violenza che si va fomentando e vista la vicinanza con il 25 Aprile, festa della Liberazione dal fascismo e dal nazismo, non ci stupisce questo atto vile e pusillanime” si legge sulla pagina Facebook dell’istituto postando anche le foto dei danni, ma “il 2 aprile deve essere l’ultimo giorno che un tale scempio succede”.

“Stanno rialzando la testa. Prima l’incendio al Circolo Pd della Barona – ha commentato il deputato Pd Emanuele Fiano – , poi la rievocazione nazista a Cologno Monzese, adesso l’ennesimo assalto all’Istituto pedagogico della Resistenza in Primaticcio a Milano”.

All’istituto è arrivata anche la solidarietà del presidente provinciale dell’Anpi Roberto Cenati che anche nel caso di questa “ennesima devastazione” chiede “alla pubbliche autorità di fare piena luce su questo gravissimo episodio”.

 

Share