Roma, nuovo oltraggio al monumento commemorativo per la scorta di Aldo Moro in via Fani

Roma, nuovo oltraggio al monumento commemorativo per la scorta di Aldo Moro in via Fani

E’ stata imbrattata (nella foto) la lapide commemorativa per la morte degli uomini di scorta di Aldo Moro in via Mario Fani a Roma. Sulla lastra sono state scritte due lettere, una B e una R, di colore rosso, probabilmente con vernice spray. Sono in corso i rilievi e le indagini a cura dei carabinieri della Stazione Roma Montemario.

Il 16 marzo di 40 anni fa un commando delle Brigate Rosse rapì il presidente della Democrazia Cristiana Aldo Moro e uccise i cinque agenti della sua scorta.

Proprio nell’anniversario della strage, centinaia di ragazzi parteciparono alla commemorazione. Insieme a loro il capo dello Stato, gli esponenti dei partiti, il Sindaco di Roma Raggi ed il Presidente della Regione Lazio Zingaretti. Oggi, a una settimana da quella cerimonia, il nuovo oltraggio.

I militari dell’Arma, contano di ricavare qualcosa dai filmati delle tante telecamere presenti in quella zona, anche se risalire ai delinquenti che hanno commesso il fatto sembra molto difficile perché potrebbero aver agito a volto coperto, celando la propria identità. La scritta, dopo i rilievi degli investigatori, è stata rimossa dagli operatori specializzati della squadra per il decoro urbano del Comune di Roma. Poi le reazioni delle istituzioni. Tra i primi il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti: “La scritta sulla lapide in via Fani in memoria di Aldo Moro e degli agenti della sua scorta è un gesto vile e vergognoso. Disgustoso. Solidarietà alle famiglie delle vittime, nessun passo indietro di fronte alla violenza”. Poi la Sindaca di Roma Raggi: “Ancora un oltraggio alle vittime di Via Fani. La scritta Br sul nuovo monumento inaugurato nei giorni scorsi nel quarantennale della strage è un insulto a tutti i romani e a tutti gli italiani. Un insulto alla nostra memoria”.

Share