Broker finanziario italiano assassinato in Messico

Broker finanziario italiano assassinato in Messico

Un broker finanziario 37enne di Pavia, Alberto Villani, è stato ucciso in Messico. Come riferisce il quotidiano “La Provincia Pavese”, il cadavere dell’uomo è stato trovato all’interno di un sacco di plastica a Tlaltizaplan, cittadina messicana di 45mila abitanti dello stato di Morelos, a un centinaio di chilometri da Città del Messico. L’autopsia ha accertato che a ucciderlo sono stati due colpi di pistola sparati alla testa. Un’esecuzione, dunque, come suggerirebbe anche un cartello, scritto in lingua spagnola, rintracciato a fianco del corpo: “Questo mi è successo per essere un ladro”.

Villani viaggiava spesso per ragioni di lavoro. Era spesso all’estero, soprattutto nei paesi di lingua spagnola. Per il momento la sua morte è un giallo: la polizia messicana, precisa sempre il quotidiano pavese, non è per il momento in grado in grado di fornire spiegazioni sul delitto. L’intermediario finanziario sarebbe dovuto rientrare in Italia proprio in questi giorni. A Pavia conviveva con 28enne salvadoregna con cui ha avuto due figli maschi, il primo di 4 anni e il secondo di appena 4 mesi. E’ stata la donna a denunciare alla Questura di Pavia la scomparsa del convivente, dopo l’ultimo contatto telefonico avuto con lui la sera del 20 marzo dall’aeroporto di Città del Messico.

Da allora si è persa ogni traccia dell’uomo fino al 26 marzo, giorno del ritrovamento del cadavere chiuso in un sacco nero.

Share