Ancora un grave incidente in un impianto di trattamento rifiuti lombardo di Bulgarograsso, nel comasco. Molti i feriti. Mobilitati per l’emergenza tre ospedali

Ancora un grave incidente in un impianto di trattamento rifiuti lombardo di Bulgarograsso, nel comasco. Molti i feriti. Mobilitati per l’emergenza tre ospedali

Un’esplosione che ha originato un grande incendio si è verificata poco prima delle 14 di mercoledì alla Ecosfera di via Pirandello a Bulgarograsso, nel comasco, azienda che tratta rifiuti speciali. Secondo le prime informazioni sarebbero numerose le persone soccorse dal 118, anche con l’ausilio dell’elisoccorso. Dichiarato lo stato di maxi-emergenza. Delle 33 persone presenti in azienda al momento dell’incidente, una decina è rimasta ferita in maniera piuttosto seria. Il bilancio parla di tre codici rossi trasportati agli ospedali di Como, Varese e Legnano e sei codici gialli smistati fra gli ospedali di Como, Lecco e Legnano; un ferito ha invece rifiutato il trasporto in ospedale.

Sono inoltre in fase di valutazione le condizioni di alcune persone giudicate in codice verde e l’Areu Lombardia ha attivato ‘prudenzialmente’ l’Unità di decontaminazione per il rischio chimico, in attesa dei riscontri dei pompieri che sono intervenuti i con 13 mezzi antincendio e circa 50 uomini, riuscendo a domare le fiamme intorno alle 16.30, dopo oltre due ore di lavoro. L’esplosione, avvertita anche a centinaia di metri di distanza, si è verificata in un silos verticale e avrebbe coinvolto anche due serbatoi adiacenti; l’onda d’urto ha danneggiato alcune auto nel piazzale dell’azienda e addirittura i vetri di abitazioni limitrofe.

Le fiamme sono divampate a lungo creando una colonna di fumo visibile a diversi chilometri di distanza. Areu ha attivato un’unità di decontaminazione per il rischio chimico per valutare i rischi legati alla presenza di vapori di acetato. Al momento non risultano tuttavia allarmi per la popolazione. I vigili del fuoco spiegano che le condizioni atmosferiche favorevoli hanno spinto in quota i possibili inquinanti.

Share