Cronista dell’Adnkronos pestato brutalmente in pieno centro a Roma

Cronista dell’Adnkronos pestato brutalmente in pieno centro a Roma

Pestato brutalmente senza motivo in pieno centro a Roma. Una serata da incubo per il cronista politico dell’AdnKronos Antonio Atte, uscito dalla Camera dei deputati intorno alle 21 di lunedì, dopo aver finito la sua giornata di lavoro. Il giornalista si stava incamminando verso la fermata dell’autobus di via del Corso, quando è stato testimone di un’aggressione ai danni di una giovane coppia da parte di un uomo che indossava una tuta mimetica.

L’AGGRESSIONE – Vedendo che in soccorso dei due stavano intervenendo due carabinieri, Atte ha proseguito fino alla fermata. All’improvviso l’aggressore della coppia gli si è parato davanti spintonandolo e insultandolo, accusandolo di aver chiamato le forze dell’ordine. Da lì è scoppiato l’inferno per il cronista: il trentenne lo ha colpito ripetutamente al volto causandogli la frattura del setto nasale e la rottura di un dente. Atte ha perso conoscenza per alcuni minuti. “Mi sono ritrovato a terra, in un lago di sangue. Ho vissuto attimi di una violenza inaudita”. Il giornalista è ricoverato al Policlinico Gemelli per essere sottoposto a un intervento chirurgico.

A PROCESSO – Intanto W.A., il 30enne italiano arrestato dalla Polizia Locale dopo l’aggressione, andrà a processo il 26 gennaio. Il giudice, dopo aver convalidato l’arresto, ha disposto nei confronti dell’uomo l’obbligo di dimora dalle 22 alle 6.

CDR ADNKRONOS – Il Comitato di redazione dell’Adnkronos esprime “vicinanza e solidarietà al collega Antonio Atte, vittima, ieri sera, di una brutale aggressione nel centro storico”. Augurando al collega “una rapida e completa guarigione”, il Cdr auspica che “il responsabile della violenza sia punito secondo la legge e che siano adottate, da parte di tutte le autorità preposte, misure più adeguate ai fini della tutela della sicurezza di tutti nella capitale”.

SOLIDARIETA’ STAMPA ROMANA “Aggressione collega Atte Adnkronos. Solidarietà Stampa Romana. Registriamo l’ennesima aggressione a un collega nel nostro territorio. L’anno si apre esattamente nello stesso modo in cui si era chiuso. È ormai nella nostra regione una questione di ordine pubblico l’esercizio della nostra professione. Lo deve affrontare al più presto il coordinamento per la sicurezza dei giornalisti costituito al Ministero dell’Interno”. Così in una nota Lazzaro Pappagallo Segretario ASR

ZINGARETTI “Voglio esprimere la mia solidarietà al giornalista dell’Adnkronos brutalmente aggredito ieri sera in pieno centro a Roma. Un fatto gravissimo che deve far riflettere sul livello di violenza a cui si è giunti a Roma e le necessarie misure, in primo luogo culturali, da mettere in campo per invertire la situazione”. Lo scrive in una nota il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti.

RAGGI “Sdegno per la brutale aggressione ai danni del giornalista dell’@Adnkronos Antonio Atte da parte di uno sconosciuto in strada. Auguri di pronta guarigione”. Lo scrive su Twitter il sindaco Virginia Raggi. “Auguri di pronta guarigione e totale solidarietà al giornalista dell’AdnKronos, Antonio Atte, e alla giovane coppia brutalmente aggrediti ieri sera in via del Corso al Roma. Un ringraziamento sentito va alle forze dell’ordine che hanno tempestivamente individuato il responsabile di questo folle gesto. Speriamo che la giustizia faccia il suo corso”. Lo scrive in una nota il presidente di Fratelli d’Italia e candidato premier, Giorgia Meloni.

Share