Dalla Toscana nuovi guai giudiziari per Berlusconi. Rinvio a giudizio a Siena per corruzione in atti giudiziari

Dalla Toscana nuovi guai giudiziari per Berlusconi. Rinvio a giudizio a Siena per corruzione in atti giudiziari
Ancora guai giudiziari per l’ex cavaliere, ex presidente del consiglio ed ex presidente del Milan Silvio Berlusconi. Il leader di Forza Italia è stato infatti rinviato a giudizio dal Tribunale di Siena con l’accusa di corruzione in atti giudiziariIl fascicolo è stato trasferito da Milano per un caso di competenza territoriale, a Siena. Il Gup del Tribunale dela città toscana, Roberta Malavasi, ha accolto la richiesta di rinvio a giudizio formulata dalla Procura diretta dal procuratore capo Salvatore Vitello.
Secondo l’accusa, a Siena si sarebbe compiuto il reato. Berlusconi, assente in aula, secondo i pm milanesi che hanno trasmesso gli atti avrebbe pagato il musicista Danilo Mariani, pianista durante serate di festa a Arcore, per indurlo a rendere falsa testimonianza nel processo alle cosiddette ‘olgettine’. L’udienza si terrà il 1 febbraio. Secondo l’accusa, Berlusconi avrebbe pagato bonifici mensili da 3mila euro a favore di Mariani, giustificati come ‘rimborsi spesa’ per la sua partecipazione alle serate dell’ex Cavaliere con musica e pianobar, esibendosi nelle residenze di Milano, Roma, Villa Certosa in Sardegna. In realtà, per l’accusa, sarebbero stati invece dei pagamenti per indurre Mariani a rendere falsa testimonianza. Nel 2012 Mariani ha testimoniato a favore dell’ex premier nel caso Ruby, assicurando di non avere mai assistito, durante le serate ad Arcore, a spogliarelli o scene di sesso, e che in discoteca si beveva moderatamente: “Il drink più alcolico era a base di champagne”.
Il Gup Malavasi ha respinto le eccezioni preliminari presentate dalla difesa dell’ex presidente del Consiglio, gli avvocati Franco Coppi del foro di Roma, Federico Cecconi del foro di Milano e Enrico De Martino del foro di Siena. Il pool difensivo ha insistito sull’incompetenza territoriale di Siena a giudicare Berlusconi e sull’inutilizzabilità di alcune intercettazioni telefoniche agli atti. Mariani è stato rinviato a giudizio con l’accusa di falsa testimonianza. Mariani, 53 anni, e la moglie Simonetta Losi conoscono molto bene l’ex Cavaliere: la coppia in diverse occasioni ha partecipato alle serate musicali organizzate nelle residenze di Berlusconi in passato. Mariani e la moglie hanno suonato e cantato davanti al jet set internazionale, tra cui Putin, Bush e Gheddafi.
Share