La Festa del Cinema di Roma ci ha portati in una scuola coranica e ci fa riflettere sull’Islam

La Festa del Cinema di Roma ci ha portati in una scuola coranica e ci fa riflettere sull’Islam

“La guerra più grande è contro noi stessi, i nostri sogni, le nostre ambizioni”.

Alla 12esima Festa del Cinema di Roma un film-documentario, in concorso,  l’Invito, diretto da Italo Spinelli,  ci ha invitati  a riflettere sul tema controverso dell’Islam. La pellicola che ha avuto come padrino il maestro Bernardo Bertolucci, spiega come l’Islam moderato sia oltraggiato dal ramo più estremista e oscurantista. Ci mostra una religione di cuori puri, che vogliono conservare i propri sogni, le proprie ambizioni per non morire dentro, cuori che non hanno niente in comune con la ferocia e la violenza.

Entriamo in un pondok pesantren (collegio islamico) per scrutare la vita e le abitudini quotidiane dei giovani studenti –  Rafli, Masduqui, Yazid, Shofi –  che sognano un giorno di poter finalmente divenire Ustād, o meglio guide religiose e predicatori dei precetti di Allah. Il film vuole offrire un inedito volto dell’Islam: quello della tolleranza che contrappone la compassione e i gentili consigli alla violenza e alle bombe. La telecamera del regista con minuziosa precisione che ci ricorda Rossellini, segue i quattro giovani sin dalle fasi del risveglio, osservandoli in silenzio dall’alba, quando è tempo di pregare, durante le lezioni e nel tardo pomeriggio, nei momenti di ricreazione.

Da’wah (L’invito), prodotto dalla Kaia Films Indonesia, è stato girato nel collegio di “Dalwa” nella Regency di Pasuruan, nella provincia orientale di Giava. “Dalwa” è frequentata da 2.700 ragazzi tra i 6 e i 18 anni, ed oltre all’attento studio del Corano e dell’Arabo, si insegnano negli ultimi anni anche tradizionali materie di studio.

Regia: Italo Spinelli

Fotografia: Eko Nobel

Montaggio: Silvia Di Domenico

Prodotto da: Kaia Films Indonesia

Produttore: Budiarman Bahar

Produttori esecutivi: Sapta Nirwandar, H.M. Irsyad Yusuf

Share