La Corea del nord lancia un nuovo missile balistico intercontinentale. Ha volato per circa 620 miglia e si è schiantato al largo del Giappone

La Corea del nord lancia un nuovo missile balistico intercontinentale. Ha volato per circa 620 miglia e si è schiantato al largo del Giappone

La Corea del Nord ha lanciato un missile balistico intercontinentale. Lo ha fatto sapere un portavoce del Pentagono, secondo cui il missile ha volato per circa 620 miglia, quasi mille chilometri, prima di schiantarsi nelle acque al largo del Giappone, nella cosiddetta Zona economica esclusiva. Il dispositivo è stato lanciato da Sain-ni. Il missile balistico lanciato dalla Corea del Nord è un modello a corto raggio (Srbm), caduto infatti a circa 250 km dalla costa occidentale giapponese, dopo aver percorso circa 1.000 km. Lo riferisce la tv di Stato Nhk. A differenza dell’ultimo lanciato il 15 settembre, non ha sorvolato l’arcipelago nipponico. Il precdente era un missile balistico a raggio intermedio (Irbm) ed infatti è caduto nel Pacifico oltre il Giappone a 3.700 km di distanza dalla Corea del Nord.

Il missile balistico intercontinentale lanciato dalla Corea del Nord è il più potente mai lanciato da Pyongyang ed è in grado di colpire tutti gli Stati Uniti e l’Europa, se sparato verso ovest. Benché infatti il missile abbia percorso in totale in 50 minuti di volo solo 1.000 km e sia caduto a 250 km dalle coste occidentali giapponesi, anche questa volta – secondo Fox News – ha seguito una traiettoria quasi verticale che l’ha portato a superare i 5.000 km di quota all’apogeo, mentre normalmente il picco della parabola seguita dagli Icbm è in media di 1.200 km. Rettificando la traiettoria si tratta di un missile in grado di colpire tutti gli Usa. Il 4 luglio venne lanciato un altro missile Icbm Hwasong-14 che raggiunse l’apogeo a 2.500 km di quota, la metà di quella dell’Icbm di oggi, ed anche in quel caso cadde dopo 37 minuti a 930 km dal punto di lancio. In quel caso si parlò per la prima volta di un missile che poteva colpire quasi tutti gli Usa.

La Corea del Nord “è una situazione che gestiremo, di cui ci prenderemo cura”, ha detto il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, parlando con i giornalisti dalla Casa Bianca. Alle 22 ore di Washington è prevista una conferenza stampa.

Share