Vuelta: gli italiani ci provano, ma Lampaert scatta, vince a mani alzate e veste la maglia rossa. Trentin e Oss sul podio. Viviano si aggiudica la Classica di Amburgo

Vuelta: gli italiani ci provano, ma Lampaert scatta, vince a mani alzate e veste la maglia rossa. Trentin e Oss sul podio. Viviano si aggiudica la Classica di Amburgo

Perlomeno ci provano i ciclisti italiani impegnati nella terza grande corsa a tappe, la Vuelta spagnola. Dopo la cronometro a squadre in cui le compagini capitanate da Nibali e da Aru non avevano brillato, rimanendo staccate anche se di pochi secondi, da quella che vede Froome impegnato alla conquista della doppietta dopo aver vinto il Tour, ci ha provato  Matteo Trentin. Non ce l’ha fatta per un soffio, battuto da Yves Lampaert. Quinto si piazza un altro italiano, Sacha Modolo. Cambia la classifica generale, maglia rossa sulle spalle di Lampaert, secondi e terzi due italiani, Trentin, compagno di squadra di Lampaert e Daniel Oss. Insomma  una condotta di gara dignitosa per i colori italiani. Ancora migliori  le notizie per i colori italiani che  arrivano dalla Germania dove Elia Viviani ha vinto, con una strepitosa volata, la Classica di Amburgo battendo in volata corridori del calibro  del francese Arnaud Demare della FDJ, gran favorito e l’olandese Dylan Groenewegen della LottoNL-Jumbo. Fuori dal podio il norvegese Alexander Kristoff della Katusha-Alpecin e il tedesco Andre Greipell rispettivamente quarto e quinto, che  figuravano fra i possibili vincitori. Verrebbe da dire una vittoria con rabbia dell’ italiano che corre per i colori del Team Sky. Quasi una vendetta nei confronti dei dirigenti della squadra che lo avevano escluso dalla compagine che ha partecipato al Tour de France.

Una giornata buona per il ciclismo tricolore. Una vittoria ad Amburgo e due corridori, Trentin e Oss che distano dalla maglia rossa rispettivamente uno e tre secondi. Un niente anche se dopo questa tappa da Nimes  a Grand Carbonne, ancora in terra di Francia, 203 chilometri tutti piatti arrivano subito le salite. Non a caso la Vuelta, così come è stata costruita, è una corsa per scalatori. L’arrivo della terza tappa ad Andorra, senza dubbio ci donerà qualche emozione.  Quella vinta da Lampaert non ha visto fughe, ma un grande impegno delle squadre per portare i velocisti nelle migliori condizioni per la volata finale. Ci provano prima la Katusha di Ilnur Zakari, tirano a ventaglio fino a 8 chilometri dall’arrivo, quando si mette davanti a tirare la Sky con Froome, Puccio e Stannard, ritmo molto sostenuto il gruppo  si spezza in diversi tronconi.  Dietro rimangono, fra gli altri, Darwin Atapuma e Daniel Navarro. A 3 km dall’arrivo attacco di quelli della Quick Step. Poi arriva l’allungo di Lampaert a poco più di un chilometro dal traguardo: Oss prova a chiudere, niente da fare, Lampaert arriva a braccia alzate con pochi metri sul gruppetto.

Ordine d’arrivo della seconda tappa della 72esima Vuelta a Espana, la Nimes-Le Grand Narbonne di 203.4 chilometri

1. Yves Lampaert (Bel, Quick Step Floors) in 4h36’13” 2. Matteo Trentin (Ita, Quick Step Floors) s.t. 3. Adam Blythe (Gbr, Aqua Blue Sport) s.t. 4. Edward Theuns (Bel) s.t. 5. Sacha Modolo (Ita) s.t. 6. Michael Schwarzmann (Ger) s.t. 7. Tom Van Asbroeck (Bel) s.t. 8. Daniel Oss (Ita) s.t. 9. Patrick Konrad (Aut) s.t. 10. Vincenzo Nibali (Ita) s.t. 11. Esteban Chaves (Col) a 0’05” 16. Chris Froome (Gbr) a 0’08” 19. Fabio Aru (Ita) s.t. 23. Rafal Majka (Pol) s.t. 29. Adam Yates (Gbr) s.t. 44. Warren Barguil (Fra) a 0’13” 48. Romain Bardet (Fra) s.t. 49. Ilnur Zakarin (Rus) s.t. 58. Miguel Angel Lopez (Col) s.t. 62. Alberto Contador (Esp) s.t. 70. Simon Yates (Gbr) s.t.

CLASSIFICA GENERALE (Maglia Rossa)  

1. Yves Lampaert (Bel, Quick Step Floors) in 4h52’07” 2. Matteo Trentin (Ita, Quick Step Floors) a 00’01” 3. Daniel Oss (Ita, Bmc) a 00’03” 4. Tejay Van Garderen (Usa) a 00’17” 5. Nicolas Roche (Irl) s.t. 6. Rohan Dennis (Aus) s.t. 7. Julian Alaphilippe (Fra) a 00’18” 8. Wilco Kelderman (Ned) s.t. 9. Chris Froome (Gbr) a 00’21” 10. Wout Poels (Ned) s.t. 12. Warren Barguil (Fra) a 00’23” 17. Esteban Chaves (Col) a 00’26” 19. Adam Yates (Gbr) a 00’29” 20. Rafal Majka (Pol) a 00’33” 22. Simon Yates (Gbr) a 00’34” 24. Vincenzo Nibali (Ita) a 00’35” 44. Ilnur Zakarin (Rus) a 00’50” 47. Alberto Contador (Esp) a 00’52” 50. Fabio Aru (Ita) a 00’53” 61. Miguel Angel Lopez (Col) a 00’58” 65. Romain Bardet (Fra) a 01’03”

Share