Massacrato a calci il giovane toscano aggredito e ucciso da tre ceceni in una discoteca di Lloret del Mar in Catalogna

Massacrato a calci il giovane toscano aggredito e ucciso da tre ceceni in una discoteca di Lloret del Mar in Catalogna

E’ di Scandicci, città a poche decine di chilometri da Firenze, Niccolò Ciatti, il 22enne morto dopo un’aggressione in una discoteca nella località turistica spagnola di Lloret de Mar. Per la sua morte sono stati arrestati tre russi, probabilmente delle regioni orientali dell’ex impero sovietico.

Durissime le parole del padre del ragazzo al Tg1: “”Non sono essere umani ma bestie che hanno ammazzato mio figlio come un sacco di patate, non posso dire neanche come un cane perchè neanche un cane si merita una fine così”. E “la cosa triste” vedendo il video dell’aggressione, è che “che tutti, tutti sono stati a guardare impotenti, sarebbe bastato che forse qualcuno intervenendo poteva risparmiargli quelle pedate sulla testa, quelle botte al cuore che me l’hanno ammazzato”. Il ragazzo, secondo quanto riferito dal sindaco di Scandicci, Sandro Fallani, abitava nel quartiere di Casellina con la famiglia. “Siamo sconvolti – ha detto il sindaco – è un episodio tremendo che ci ha toccato profondamente ed è necessario che si faccia chiarezza. Tutta la città è vicina ai familiari, faremo qualsiasi cosa per aiutarli, con l’affetto e con tutto il supporto necessario”.

Nella notte tra venerdì e sabato i Mossos d’Esquadra – la polizia della Catalogna – sono stati chiamati per un pestaggio in una discoteca a Lloret del Mar. Al loro arrivo hanno trovato il ragazzo italiano gravemente ferito; il giovane è deceduto dopo il suo trasferimento in ospedale. I tre presunti aggressori avrebbero colpito il giovane con pugni, calci in faccia e in testa prima di darsi alla fuga. I tre, di 20, 24 e 26 anni, sono stati catturati poco dopo sul lungomare di Lloret del Mar, ha indicato in un comunicato la polizia.

Le liti e le risse tra giovani turisti sono molto frequenti a Lloret del Mar, meta estiva che molte agenzie di viaggio europee offrono con la formula “tutto compreso”. La Catalogna è la regione spagnola più visitata e la terza più popolare a livello mondiale con 75 milioni di turisti nel 2016.  La Farnesina e il Consolato Generale d’Italia a Barcellona stanno seguendo sin dall’inizio il caso con la massima attenzione, fa sapere il ministero degli Esteri. “Il Consolato, che sta prestando alla famiglia ogni possibile assistenza, è in contatto con le autorità locali e al momento sono in corso accertamenti volti a chiarire la dinamica dei fatti”.

 

 

 

Share