Federconsumatori. Sale la disoccupazione a luglio. Superare la logica dei bonus e agire strutturalmente per rimettere in moto il mercato del lavoro

Federconsumatori. Sale la disoccupazione a luglio. Superare la logica dei bonus e agire strutturalmente per rimettere in moto il mercato del lavoro

L’aumento del tasso di disoccupazione, che a luglio sale all’11,3%, e di quello giovanile, che aumenta, attestandosi al 35,5%, registrando una crescita di 0,3 punti da giugno, “smentisce il forte ottimismo sulla ripresa occupazionale che, come denunciamo da tempo, è ancora lontana”. A sottolinearlo in una nota è Federconsumatori commentando i dati diffusi oggi dall’Istat.

“Per avviare un reale rilancio del mercato del lavoro sono indispensabili interventi di carattere strutturale, che superino la logica dei bonus, ma agiscano attraverso un taglio delle tasse sul lavoro, nonché avviando un piano di investimenti per la ricerca, lo sviluppo e la modernizzazione”, scrive in una nota Emilio Viafora, presidente dell’associazione dei consumatori. La ripresa dell’occupazione, rileva l’associazione, determinerebbe un miglioramento sensibile per le famiglie, oggi costrette spesso a fornire sostegno a parenti giovani e meno giovani in cerca di lavoro, provvedendo al loro sostentamento (con una spesa di circa 450 euro al mese). L’Osservatorio Nazionale Federconsumatori ha calcolato che, se il tasso di disoccupazione si attestasse al 6%, il potere di acquisto delle famiglie registrerebbe un incremento di circa 40 miliardi di euro l’anno. Incremento, rileva l’associazione dei consumatori, “che sarebbe in grado di rimettere in moto una domanda interna ancora in forte crisi, determinando così una ripresa della produzione e dando un ulteriore impulso alla crescita occupazionale. Si tratta di un intervento improrogabile, da porre tra le priorità del governo, soprattutto in vista dell’approvazione della legge di bilancio”.

Share