Abusi su una minorenne a Posillipo (Na). Tre ragazzini identificati. Ora le analisi del Dna. Indagano i Carabinieri

Abusi su una minorenne a Posillipo (Na). Tre ragazzini identificati. Ora le analisi del Dna. Indagano i Carabinieri

Una ragazzina minorenne ha denunciato alla Procura di Napoli di aver subito violenza sessuale da tre ragazzi sugli scogli di Marechiaro (nella foto il presunto luogo degli abusi) nel quartiere Posillipo. Gli investigatori hanno già individuato nei giorni scorsi i presunti autori dello stupro, che avrebbero conosciuto la ragazza sul posto: si tratta di tre minorenni. Fino a poco tempo fa la minore aveva detto alla madre che si era trattato di rapporti consensuali. Di recente, però, ha cambiato versione e detto, invece, di essere stata vittima di abusi. Madre e figlia hanno denunciato tutto ai carabinieri di Bagnoli che ora, coordinati dalla Procura dei Minori, stanno indagando.

    Tre, finora, i giovani identificati anche se – secondo il racconto – del gruppo ne avrebbero fatto parte altri che sebbene non abbiano partecipato alle violenze non si sarebbero neppure adoperati per impedirle. La vittima, subito l’accaduto, è stata visitata nell’ospedale San Paolo: lì sono stati prelevati tracce biologiche che ora saranno comparati dal Racis con quelli dei tre ragazzini per le analisi del DNA.

“Quanto accaduto a Marechiaro è di una gravità inaudita. Sui reati commessi da minori occorre abbassare l’età imputabile, perché l’aumento di reati commessi da minorenni affonda le radici proprio nella consapevolezza dell’impunità”. Così il presidente della Municipalità I, Francesco de Giovanni. “Non servono facili e strumentali sociologismi da strapazzo – spiega de Giovanni, insieme all’assessore agli Affari generali Fabio Chiosi – Occorre repressione, e bisogna avere il coraggio di utilizzare questa espressione, ma soprattutto di concretizzarla con atti seri a tutela delle persone perbene ed a tutela degli stessi minori. Abbiamo presentato denunce per le illegalità che di giorno si verificano sugli scogli di Marechiaro con il viavai degli abusivi del mare – concludono de Giovanni e Chiosi – ma è evidente che occorre anche un controllo stringente serale”.

Share