Sciopero generale di 8 ore dei lavoratori delle telecomunicazioni

Sciopero generale di 8 ore dei lavoratori delle telecomunicazioni

Si fermano oggi per l’intera giornata i lavoratori del settore delle Tlc per protestare contro il mancato rinnovo del contratto nazionale scaduto da oltre due anni e con l’ultimo aumento salariale contrattuale percepito dagli oltre 180.000 addetti risalente a 28 mesi fa. “Uno sciopero di 8 ore, le prime del pacchetto di 16 ore proclamate, per rivendicare il rinnovo del contratto, la cui trattativa è in stallo, che valorizzi il lavoro – dichiara Marco Del Cimmuto, segretario nazionale Slc Cgil – e dire quindi no ad una impostazione regressiva di Asstel, totalmente imperniata sulla riduzione del costo del lavoro e con richieste finalizzate ad una contrazione del salario e ad una compressione dei diritti individuali”. “Uno sciopero per rivendicare anche la dignità e la centralità di un settore sempre più sconquassato da grandi vertenze aziendali (Almaviva, TIM, Ericsson, ecc.) – conclude il sindacalista – con pesanti riflessi occupazionali ed un costante attacco alle condizioni materiali delle lavoratrici e dei lavoratori del comparto”.

Tanti gli appuntamenti in tutta Italia. Corteo per le strade di Bologna, con concentramento in piazza di Porta Castiglione alle ore 9.30, mentre a Napoli la dimostrazione parte alle ore 9 da piazza Mancini per concludersi in piazza dei Martiri. A Milano si tiene la manifestazione regionale di tutti i lavoratori della Lombardia: l’appuntamento è alle ore 9.30 in largo Cairoli, il corteo (dopo aver attraversato il centro cittadino) si chiude davanti alla sede Rai di corso Sempione. A Roma sit-in dalle ore 8 alle 14 in piazza della Repubblica, mentre a Potenza è previsto alle ore 9.30 un presidio davanti alle sede di Confidustria (in via Perugia). Manifestazione regionale dei lavoratori e delle lavoratrici del Piemonte a Torino: corteo da Porta Susa (ore 9.30) e arrivo davanti alla sede dell’Unione Industriali. In Calabria sono tre i presidi, tutti a partire dalle ore 10: a Cosenza e a Reggio Calabria sotto le sedi provinciali di Confindustria, a Catanzaro davanti la sede regionale.

Due gli appuntamenti in Liguria: alla Spezia presidio sotto la Prefettura dalle ore 10 alle 12, mentre a Genova manifestazione sotto la sede della Confindustria (in via San Vincenzo) a partire dalle ore 9. A Siracusa sit-in di protesta dalle ore 9 ore 13 davanti la sede di Confindustria (in viale Scala Greca 282). I lavoratori della Puglia si trovano a Bari: la partenza del corteo è alle ore 9.30 da piazza Castello, la conclusione è in piazza Prefettura (dove sono previsti gli incontri istituzionali). Manifestazione regionale dei lavoratori veneti a Padova: il corteo sfila da piazzale della Stazione (ore 9.30) a piazza Garibaldi. Corteo anche a Catania, con partenza da piazza Michelangelo alle ore 9.30 e conclusione davanti la sede di Confindustria (in viale Vittorio Veneto 109). I lavoratori di Toscana e Umbria si ritrovano a Firenze: concentramento alle ore 9,30 in piazza Santa Maria Novella, corteo per le strade cittadine e conclusione in piazza San Lorenzo. Manifestazione anche a Palermo: concentramento in piazza Croci alle 9.30, corteo fino alla sede provinciale di Confindustria.

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.