Roma. Un gesto di grande dignità, le dimissioni di Paolo Berdini. Raggi le respinge. L’assessore parla di un vero e proprio linciaggio mediatico, si scusa con la sindaca, ribadisce “la stima che merita”

Roma. Un gesto di grande dignità, le dimissioni di Paolo Berdini. Raggi le respinge. L’assessore parla di un vero e  proprio linciaggio mediatico, si scusa con la sindaca, ribadisce “la stima che merita”

Un gesto di grande dignità quello di Paolo Berdini che al termine del colloquio con Virginia Raggi alla quale ha ribadito “la stima che merita”, ha rimesso il mandato che gli era stato conferito dalla sindaca lo scorso luglio. Dimissioni che la sindaca ha respinto con riserva affermando: “Ho incontrato l’assessore Berdini, chiedendogli chiarimenti. Si è scusato ed ha rimesso nelle mie mani le deleghe che gli avevo consegnato. Ho respinto le sue dimissioni con riserva”. A margine di un appuntamento alla Camera di Commercio a chi le chiedeva se aveva paura di perdere altri pezzi la sindaca ha risposto: “Non ho paura, ho respinto le dimissioni”. Mentre era in corso il colloquio, il vicesindaco Luca Bergamo e diversi assessori erano presenti a Palazzo Senatorio, da Linda Meleo, assessore alla Mobilità, a Pinuccia Montanari, assessore all’Ambiente, ad Adriano Meloni, assessore al Commercio e a Laura Baldassarre, assessore al Sociale. Nessuno ha rilasciato dichiarazioni.

Berdini: “Non ho rilasciato né intervista né colloquio. No ho mai conosciuto il procuratore Paolo Ielo”

Paolo Berdini, a conclusione dell’incontro con la sindaca, ha ribadito che non ha rilasciato alcuna intervista né colloquio. “Una conversazione carpita dolosamente da uno sconosciuto”, afferma l’assessore, mentre il giornalista e il direttore de La Stampa confermano il colloquio ancora una volta. “Non si è nemmeno presentato come giornalista -prosegue Berdini – e durante l’intervista avrei persino affermato di essere amico del procuratore Paolo Ielo che non ho mai conosciuto in vita mia”. “Ci stanno massacrando – prosegue – un vero e proprio linciaggio mediatico che si sta scatenando nel momento in cui l’amministrazione comunale prende importanti decisioni che cambiano il modo di governare questa città – aggiunge – da mesi il sottoscritto lavora per riportare la materia urbanistica e l’affidamento degli appalti pubblici nella più assoluta trasparenza. È questo il programma della nuova amministrazione: un’azione limpida che evidentemente crea problemi ad alcuni gruppi di potere”. “Non sto a raccontare di pesanti insulti e minacce che ricevo quotidianamente in rete, ora – prosegue – siamo passati anche alle trappole. Questo è il rischio che corrono coloro che vogliono rompere vecchi e consolidati equilibri di spartizione che non abbiamo mai accettato e non accetteremo mai. Ho incontrato Virginia Raggi in Campidoglio: le ho ribadito la stima che merita. Provo profonda amarezza – conclude – per la situazione che si è venuta a creare. Ne ho preso atto e, pertanto, ho rimesso il mandato conferitomi dalla sindaca lo scorso luglio”.

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.