Oscar 2017. Vince Moonlight, miglior film; 6 premi per La la land; 2 per Manchester by the sea. Oscar per il miglior trucco a Bertolazzi e Gregorini

Oscar 2017. Vince Moonlight, miglior film; 6 premi per La la land; 2 per Manchester by the sea. Oscar per il miglior trucco a Bertolazzi e Gregorini

In quella che è sicuramente una delle edizioni più politiche degli Oscar degli ultimi anni, Donald Trump è stato uno degli assenti più presenti della cerimonia degli Academy Awards. A mettere il carico da 90, è stato il presentatore Jimmy Kimmel. Il comico ha aperto lo show dicendo: “Questa trasmissione è vista in diretta da milioni di americani, e in tutto il mondo da più di 225 Paesi che ora ci odiano. Penso sia incredibile”. Kimmel ha poi ‘usato’ lo slogan della campagna elettorale del presidente Usa, esortando gli spettatori a fare uno sforzo di riconciliazione con gli avversari politici, considerandoli “non come liberali o conservatori, ma come americani. Se potessimo farlo tutti, allora renderemo di nuovo grande l’America”. Il presentatore ha poi direttamente nominato il presidente Usa: “Voglio dire: grazie Trump. Voglio dire, vi ricordate l’anno scorso quando sembrava che gli Oscar fossero razzisti?”, ha detto sarcasticamente in riferimento alle polemiche dell’ultima edizione per l’assenza di attori di colore e alla politica attuale di Donald Trump. Il comico ha poi omaggiato Meryl Streep, che solo poco tempo fa era stata definita come “una delle attrici più sopravvalutate di Hollywood” da Trump. “Dal suo mediocre lavoro in ‘Il cacciatore’ e ‘La mia Africa’, fino alle performance deludenti in ‘Kramer contro Kramer’ e ‘La scelta di Sophie’, Meryl Streep ha collezionato più di 50 film nel corso della sua poco brillante carriera”, ha scherzato Kimmel chiedendo poi all’attrice di alzarsi per ricevere una standing ovation e presentandola come “la grandemente sopravvalutata Meryl Streep”. Infine, Jimmy Kimmel ha deciso di rivolgersi direttamente al presidente, dicendosi preoccupato del fatto che Trump, noto per il suo uso di Twitter, non avesse ancora ‘cinguettato’ niente sullo show. E così ha deciso di fare lui il primo passo e di scrivergli: “Hey, Donald Trump. Sei sveglio?”. Il tweet è stato ritwittato 100mila volte in solo cinque minuti. Ma non c’è stata alcuna risposta dal presidente.

Di seguito la lista di tutti i premi assegnati nella 89esima edizione degli Oscar del cinema. MIGLIOR FILM: ‘Moonlight’ MIGLIOR REGIA: Damien Chazelle per ‘La La Land’ MIGLIOR ATTORE: Casey Affleck per ‘Manchester by the sea’ MIGLIOR ATTRICE: Emma Stone per ‘La La Land’ MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA: Mahershala Ali per ‘Moonlight’ MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA: Viola Davis ‘Barriere’ MIGLIOR SCENEGGIATURA ORIGINALE: ‘Manchester by the sea’ MIGLIOR SCENEGGIATURA NON ORIGINALE: ‘Moonlight’ MIGLIOR FILM STRANIERO: ‘Il cliente’ (Iran) MIGLIOR FILM ANIMAZIONE: ‘Zootropolis’ MIGLIOR FOTOGRAFIA: ‘La La Land’ MIGLIOR SCENOGRAFIA: ‘La La Land’ MIGLIOR MONTAGGIO: ‘La battaglia di Hacksaw Ridge’ MIGLIOR COLONNA SONORA: ‘La La Land’ MIGLIOR CANZONE: ‘City of Stars’ di ‘La La Land’ MIGLIORI EFFETTI SPECIALI: ‘Il libro della giungla’ MIGLIOR SONORO: ‘La battaglia di Hacksaw Ridge’ MIGLIOR MONTAGGIO SONORO: ‘Arrival’ MIGLIORI COSTUMI: ‘Animali Fantastici e dove trovarli’ MIGLIOR TRUCCO: Alessandro Bertolazzi, Giorgio Gregorini e Christopher Nelson per ‘Suicide Squad’ MIGLIOR DOCUMENTARIO: ‘O.J.: Made in America’ MIGLIOR CORTO DOCUMENTARIO: ‘The White Helmets’ MIGLIOR CORTO: ‘Sing’ MIGLIOR CORTO D’ANIMAZIONE: ‘Piper’.
Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.