Strage ferroviaria di Viareggio. Il Tribunale di primo grado condanna Moretti ed Elia, con altri 23 e 9 società. 8 gli assolti

Strage ferroviaria di Viareggio. Il Tribunale di primo grado condanna Moretti ed Elia, con altri 23 e 9 società. 8 gli assolti

Il Tribunale di Lucca, presieduto da Gerardo Boragine, ha condannato l’ex amministratore di Ferrovie, Mauro Moretti, a 7 anni di reclusione per la strage ferroviaria di Viareggio del 29 giugno 2009. Michele Mario Elia, ex amministratore delegato di Rfi, è stato condannato a 7 anni e 6 mesi di reclusione. La Procura di Lucca aveva chiesto 16 anni per Moretti e 15 anni per Elia. Sul banco degli imputati c’erano 33 persone e 9 società. L’accusa per tutti a vario titolo era di disastro ferroviario, incendio colposo, omicidio colposo plurimo, lesioni personali. La sentenza di primo grado è arrivata a sette anni e sette mesi dall’incidente ferroviario.

Nella mattinata di lunedì i familiari delle vittime erano arrivati in corteo al Polo fieristico, dove si tiene il processo. ‘Viareggio 29-6-2009 niente sarà più come prima’ era lo striscione con le foto di tutte le vittime che apriva il corteo silenzioso. Con loro anche una rappresentanza dei macchinisti delle Ferrovie,  e chiudevano il corteo alcuni gonfaloni tra cui quello della Regione Toscana. “Non potevamo non essere qui, del resto Regione Toscana e Provincia di Lucca sono gli unici enti che si sono costituiti parte civile, senza accettare i risarcimenti proposti, come fece all’epoca anche il governo nazionale”. Lo ha detto il consigliere regionale toscano del Pd Stefano Baccelli che accompagnava il Gonfalone della Regione “ringrazio il governatore toscano Enrico Rossi e il presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani che hanno condiviso questa scelta”.
Baccelli, che il 29 giugno 2009 era presidente della Provincia di Lucca, ha voluto ricordare un episodio del processo che lo riguarda direttamente: “Quando venni sentito dai giudici, uno degli avvocati di Mauro Moretti, l’ex ad di Ferrovie, mi contestò in malo modo l’utilizzo della parola strage. Mi riprese ma credo non si possa certo parlare di un insieme di morti, anche se è chiaro che non fu un attentato e infatti per gli imputati l’accusa è omicidio colposo”. In aula presenti anche il presidente della Provincia di Lucca, Luca Menesini e i sindaci di Lucca e Viareggio, Alessandro Tambellini e Giorgio Del Ghingaro, con i Gonfaloni.

Era il 29 giugno 2009 quando il ‘cuore’ di Viareggio si trasforma in pochi istanti in un inferno di fuoco e ambulanze: ci sono voluti sette anni e mezzo e 140 udienze per arrivare alla sentenza di primo grado pronunciata il tribunale di Lucca per il disastro ferroviario che nell’estate 2009 fece 32 vittime.

Alle 23,48 del 29 giugno 2009 un treno merci partito da Trecate, in Piemonte, e diretto a Gricignano, in Campania, deraglia poco dopo aver superato la stazione ferroviaria della cittadina balneare toscana. Una delle cisterne che trasportano Gpl si rovescia su un fianco e si squarcia sbattendo a forte velocita’ contro un ostacolo (un picchetto secondo quanto sostenuto dall’accusa, una ‘zampa di lepre’ stando alla ricostruzione della difesa) e da un grosso foro comincia a fuoriuscireil gas che avvolge i binari e le abitazioni affacciate sulla linea ferroviaria. Pochi minuti piu’ tardi, forse innescata dal motore di uno scooter che percorre la strada parallela ai binari, nell’aria satura di Gpl un’esplosione d’improvviso sprigiona una tempesta di fiamme che investe in una frazione di secondo tutto quanto si trova nel raggio di centinaia di metri. Case, negozi, uffici, automobili vengono inghiotti e distrutti dalla nuvola fuoco. La zona piu’ gravemente colpita e’ quella di via Ponchielli, quasi completamente rasa al suolo. Pesantissimo il bilancio delle vittime, molte delle quali decedute nei giorni successivi a causa delle destanti ustioni riportate. Alla fine si conteranno 32 morti, l’ultimo dei quali e’ una giovane donna ecuadoriana, deceduta alla vigilia di Natale di quell’anno, dopo quasi sei mesi di agonia.

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.