Rimini, massacra con l’acido la sua ex che rischia di perdere la vista

Rimini, massacra con l’acido la sua ex che rischia di perdere la vista
Ancora un tentato femminicidio. Questa volta l’episodio di inaudita brutalità si è consumato a Rimini, dove una giovane  donna di 28 anni è stata aggredita dal suo ex fidanzato. La ragazza è stata raggiunta al volto dal lancio di acido contenuto in una bottiglia ed è ora ricoverata in gravissime condizioni all’ospedale Bufalini di Cesena.
La donna, riminese, ricoverata in codice rosso, ha profonde lesioni al volto e rischierebbe di perdere la vista da entrambi gli occhi. Il suo aggressore, originario di Capo Verde ma da tempo residente in Italia, è stato rintracciato ed arrestato dalla Polizia in collaborazione con i militari dell’Arma dei Carabinieri. Già nel passato si era reso protagonista di maltrattamenti ed il Questore di Rimeni, Maurizio Improta aveva aperto un fascicolo su di lui e firmato un provvedimento di ammonimento. Martedì notte il drammatico episodio, l’ennesimo che vede come vittima una giovane donna.
La polizia scientifica sta esaminando, al momento, diversi reperti ritrovati sulla scena del crimine, per definire esattamente con quale sostanza e con che modalità sia avvenuta l’aggressione. Si tratta di un capellino, degli occhiali e delle chiavi della giovane. Sono stati prelevati anche i suoi indumenti impregnati d’acido, per esaminarli. L’uomo, originario di Capoverde, l’ha attesa davanti alla sua abitazione nonostante fosse stato colpito da una misura di divieto di avvicinamento nei confronti della 28enne riminese, disposto dal pm; una misura cautelare decisa proprio per via degli atti persecutori nei suoi confronti a cui era seguita una denuncia.
Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.