Allerta meteo al Sud. Sicilia e Calabria in emergenza. Nel palermitano, morto un pensionato travolto da torrente in piena

Allerta meteo al Sud. Sicilia e Calabria in emergenza. Nel palermitano, morto un pensionato travolto da torrente in piena

Si sposta a sud l’emergenza maltempo, con le situazioni più critiche in Sicilia e Calabria. Nel palermitano ha perso la vita un pensionato di 67 anni, Giovanni Mazzara, trascinato da acqua e fango sulla Statale 189, al chilometro 15 della Palermo-Agrigento. L’uomo era intrappolato con altre tre persone in una Audi Q5 quando ha deciso di uscire dall’abitacolo.

L’allerta rossa vale soprattutto per le province di Messina e Catania: allagamenti, esondazioni, nubifragi e burrasche hanno messo a dura prova gran parte dell’isola e numerosi sindaci hanno deciso di tenere chiuse le scuole. Allerta arancione nell’agrigentino, con scuole chiuse a Sciacca, e lavoro straordinario per i soccorritori in provincia di Siracusa. Ad Augusta il villaggio Gisira è rimasto isolato per lo straripamento del fiume Porcaria, mentre è esondato in provincia di Catania il torrente Forcile che ha allagato alcune aree della zona industriale e una vasta area nei pressi dell’aeroporto Fontanarossa.

Vento e pioggia flagellano dalla notte larga parte della Calabria, in primis le province di Catanzaro, Reggio Calabria e Crotone per le quali la Protezione civile ha indicato lo stato di allerta rossa. Scuole chiuse in diversi centri mentre alcune famiglie sono state evacuate per precauzione nelle frazioni del comune di Melito Porto Salvo (Reggio Calabria) dopo la rottura di un argine della fiumara Tuccio. Disposta la chiusura per oggi di tutti gli impianti sportivi a Catanzaro. Per la Sardegna orientale durerà fino alla mezzanotte di oggi l’allerta meteo della Protezione civile regionale per “rischio idraulico”: in particolare sono interessati il bacino del Flumendosa in Ogliastra e la Gallura. Disagi a Olbia, in città e nelle campagne, per le abbondanti precipitazioni: la situazione dei corsi d’acqua viene monitorata costantemente. Notizie poco incoraggianti anche dalle previsioni meteo: per gli esperti del sito www.ilmeteo.it, “la bassa pressione africana che da sabato sta portando maltempo sulle isole maggiori ora si accanisce sulla Calabria e il resto del meridione”. In Calabria sono attesi “forti temporali” e “bombe d’acqua” ma pioverà anche in Campania, Basilicata, Puglia, Molise, Abruzzo, Marche e Lazio. Sardegna e Sicilia nel fine settimana potrebbero dover fare i conti con nuove “piogge africane”.

Numerosi gli interventi dell’Anas per ripristinare la circolazione. Attualmente, per la presenza di detriti in carreggiata è provvisoriamente chiusa la strada statale 194 ‘Ragusana’, in due differenti tratti, dal km 61,000 al km 64,000, tra Vizzini (Catania) e Monterosso Almo (Ragusa), e dal km 69,000 al km 84,200, tra Giarratano e Modica (Ragusa). La strada statale 188, a Prizzi, è stata riaperta, al momento, in regime di senso unico alternato. La strada statale 189 ‘della Valle del Platani’, chiusa ieri sera a Lercara Friddi per esondazione di un fiume, è stata riaperta alle 2 di questa notte. Anche a Sciacca, la statale 115 ‘Sud Occidentale Sicula’ è stata riaperta dopo le forti piogge abbattutesi nell’area. La strada statale 114 dir, a Carlentini, stamane è stata chiusa per circa un’ora tra il km 10,500 e il km11,700, per esondazione del torrente San Leonardo. Infine, è stata appena riaperta, anche se in regime di senso unico alternato la strada statale 121 ‘Catanese’, dal km 142,000 al km 170,000, tra Santa Caterina Villarmosa (Caltanissetta) e Valledolmo (Palermo).

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.