Autobombe contro la Polizia a Istanbul, morti e feriti a pochi passi dallo stadio del Besiktas

Autobombe contro la Polizia a Istanbul, morti e feriti a pochi passi dallo stadio del Besiktas

Nuovo attacco terroristico in Turchia. Un’autobomba diretta contro un bus di poliziotti anti-sommossa, vicino allo stadio di Istanbul della squadra di calcio del Besiktas, ha provocato almeno 13 morti e decine di feriti, ma il bilancio è solo provvisorio. I testimoni, nei pressi dello stadio, hanno sentito due forti esplosioni dopo la fine di una partita della massima divisione turca tra i padroni di casa del Besiktas e il Bursarpor. La zona è stata subito circondata dalla polizia, e sono arrivate sul posto diverse ambulanze. Il ministro dell’interno Suleyman Soylu ha parlato inizialmente di almeno 20 feriti, spiegando che “potrebbe essersi trattato di un’autobomba piazzata nel punto in cui la polizia anti-sommossa era schierata”. Il bilancio delle vittime si è con il passare dei minuti aggravato, e secondo fonti della sicurezza sarebbero almeno 13 le vittime, che potrebbero essere soprattutto agenti. Le immagini hanno mostrato alcuni veicoli danneggiati e diversi caschi della polizia sparsi per terra. Il club del Bursaspor ha reso noto che nessuno dei suoi supporter è rimasto coinvolto. La tv turca ha poi precisato la natura dell’attacco, confermando la volontà degli attentatori di colpire proprio un mezzo della polizia che stava lasciando lo stadio, dopo l’uscita dei tifosi dall’impianto. Il ministro dello sport Akif Cagatay Kilic ha parlato di “crudele attentato terroristico, che vuole minacciare l’unità della nazione”.

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.