La vittoria del No e la sconfitta di Renzi sui quotidiani internazionali. La Faz tedesca a Renzi: “Troppo audace o troppo sciocco?”

La vittoria del No e la sconfitta di Renzi sui quotidiani internazionali. La Faz tedesca a Renzi: “Troppo audace o troppo sciocco?”

La vittoria del No al referendum costituzionale e il conseguente annuncio delle dimissioni del presidente del Consiglio dominano i siti Internet dei maggiori giornali internazionali. Il francese “Le Monde” apre con un titolo piano – “Renzi dimissionario dopo la grande respinta della riforma costituzionale”- così come lo spagnolo “El Pais”: “Renzi si dimette dopo aver perso il referendum”. I giornali inglesi osano qualcosa di più: “The Guardian” ha in apertura un pezzo dal titolo “Renzi si dimette da primo ministro dopo la pesante sconfitta al referendum” e un editoriale di Larry Elliott dal titolo “Come l’Italia è diventata il malato d’Europa di questo secolo”; mentre “The Times” tira in ballo Bruxelles “Ue in subbuglio dopo che il primo ministro italiano si è dimesso”.

Oltreoceano il “New York Times” dedica uno spazio a quello che sta succedendo in Italia con un articolo di spalla a metà pagina: “Il premier italiano si dimette dopo che è stato bocciato il referendum sulle riforme”. Il quotidiano economico “Wall Street Journal” fa un’analisi sugli effetti del voto: “Gli investitori minimizzano il voto italiano”. Infine l’attenzione dedicata dai giornali tedeschi che puntano il dito contro la personalizzazione del referendum voluta da Renzi. “Suddeutsche Zeitung” apre con un “Perché Renzi ha fallito nella sua riforma costituzionale” e “Frankfurter Allgemeine Zeitung” non le manda a adire: “Troppo audace o troppo sciocco?”. E sotto: “L’Italia ha deciso contro una riforma costituzionale – e contro il suo governo. Esito tragico perché la riforma sarebbe stata utile, per l’Italia e per l’Europa”.

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.