George Michael: il Telegraph diffonde voci di un’overdose. La famiglia smentisce seccamente

George Michael: il Telegraph diffonde voci di un’overdose. La famiglia smentisce seccamente

George Michael potrebbe essere morto per un’overdose di eroina. Una fonte ha rivelato al Telegraph che nell’ultimo anno l’icona del pop ha dovuto combattere contro una crescente dipendenza. Anche per quello l’artista sarebbe comparso poco in pubblico, apparendo fisicamente appesantito, lontano da quell’immagine prestante tanto amata dai fan. “Nell’ultimo anno Michael ha lottato contro una crescente dipendenza dall’eroina. È stato ricoverato diverse volte al pronto soccorso per una overdose. È già tanto che abbia resistito così tanto”, ha rivelato la fonte. L’arresto cardiaco, che secondo quanto dichiarato dal manager Michael Lipman sarebbe stata la causa della morte, è una conseguenza comune per i dipendenti da eroina, come spiega il quotidiano britannico. Negli anni precedenti l’ex-membro degli Wham era stato arrestato più volte per uso e possesso di droga.

“Non sappiamo ancora cosa sia esattamente successo – ha aggiunto – Recentemente tutto era diventato molto complicato, ma George aspettava con ansia il Natale e anche io. Adesso è tutto rovinato. Vorrei che la gente lo ricordasse per quello che era, una persona magnifica”. E anche su Twitter, ieri pomeriggio Fawaz aveva scritto: “È un Natale che non dimenticherò mai, trovare il corpo del proprio compagno che giaceva pacificamente a letto come prima cosa al mattino. Non smetterai mai di mancarmi”.

La famiglia del cantante in un comunicato ha però seccamente smentito l’esistenza di “circostanze sospette” nella sua morte. “Al contrario di quanto scrivono alcuni mezzi di informazione”, scrivono, “non esistono circostanze sospette attorno alla sua morte”. La famiglia confrma quanto comunicato dalla polizia londinese fin dalle prime ore del ritrovamento del cadavere: si tratta di una morte “inesplicata” ma “non sospetta”.

Share

Leave a Reply

Your email address will not be published.